ONU apre a depenalizzazione droghe
10 marzo 2014 – 15:59 | Un commento

L’Onu riconosce che gli obiettivi nella lotta mondiale contro la droga finora non si sono realizzati e, per la prima volta, ipotizza la “depenalizzazione” del consumo degli stupefacenti: l’importante novita’ arriva da un documento messo …

Leggi l'articolo completo »
Cannabis World

articoli e news sugli utilizzi ricreativi, medici e industriali

Attualità

notizie dal mondo, curiosità, articoli, servizi sull’attualità

Psicoattivo

etnobotanica, sostanze psicoattive, info, esperienze

Input

articoli, segnalazioni, recensioni di film, libri, musica, blog, viaggi…

Attivismo

spazio dedicato all’antiproibizionismo e non solo

Home » Avvocato risponde, Cannabis World

Sentenza “avere scorta di marijuana non è reato”: chiarimenti e precisazioni

Scritto da – 26 gennaio 2013 – 21:523 commenti
Sentenza “avere scorta di marijuana non è reato”: chiarimenti e precisazioni

Oggi sul sito unionesarda.it è stato pubblicato un articolo (riportato di seguito) riguardante un’importante sentenza della Cassazione, che però presentato in questo modo non fa altro che alimentare la già diffusissima disinformazione in materia e rischia di diffondere false e pericolose convinzioni.

Avere scorta di marijuana non è reato
Sentenza rivoluzionaria della Cassazione

Custodire una scorta di “erba” in casa non costituisce reato. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione che ha assolto due allevatori di Bitti che furono trovati in possesso di due chili di marijuana.
I giudici della Corte di Cassazione hanno accolto il ricorso che la difesa di due allevatori di Bitti, Sebastiano Orunesu (37 anni) e Luigi Farre, 35, ha presentato contro la sentenza dei giudici della Corte d’appello di Cagliari.
La decisione della Corte di Cassazione costituirà un precedente. I giudici hanno in sostanza affermato che se non è provato che chi detiene la sostanza stupefacente sia intenzionato a spacciarla, il possesso non può costituire reato. Un orientamento che anche i giudici di primo grado, la cui sentenza era stata poi riformata in Appello, avevano mostrato di condividere.
fonte: unionesarda.it/Articoli/Articolo/302451

Come anticipato, riteniamo che il modo in cui sia scritto e presentato questo articolo sia pericoloso in quanto induce il lettore a pensare che d’ora in avanti il possesso di marijuana in Italia (anche di ingenti quantità!) sia legale, cosa del tutto falsa.
Si perchè una sentenza non fa una legge né la cambia. Certo, si tratta di un importante precedente ma rimane comunque a discrezione del giudice decidere se attenersi alla legge, che attualmente, lo ricordiamo, è una delle più rigide a livello europeo e prevede pesanti sanzioni amministrative e penali anche solo per il possesso.
Ne è prova il fatto che quotidianamente in Italia, decine di semplici consumatori continuano ad essere arrestati. ATTENZIONE quindi!

L’articolo inoltre non riporta alcuni dettagli fondamentali come ad esempio il numero di sentenza, impedendo così ulteriori accertamenti. Facendo una veloce ricerca online abbiamo trovato la stessa notizia (cambiano solo alcuni particolari) su un vecchio forum, datata 23 settembre 2005:

ARRESTATI CON 2 KG MARIJUANA, ORA ASSOLTI DAL GUP: “USO PERSONALE”
Fonte: Agi
NUORO, 23 settembre 2005 – Assolti perchè il fatto non sussiste. È questa la sentenza emessa dal giudice per le udienze preliminari di Lanusei Paola Murru nei confronti di due allevatori di Bitti, Luigi Farre di 27 anni e Sebastiano Orunesu di 29, arrestati dai carabinieri di Jerzu dopo essere stati trovati in possesso di due chili di marijuana.
Gli avvocati dei due avevano sostenuto l’uso personale dello stupefacente acquistato in grandi quantità per questioni di comodità vista l’impossibilità, secondo le dichiarazioni dei giovani, di coltivarla o trovarla con facilità nel Nuorese, mentre il pubblico Ministero Francesca Salvatore aveva chiesto ben tre anni di reclusione.
Arrestati con 2 kg marijuana, ora assolti dal gup: “uso personale”
NUORO – Assolti perchè il fatto non sussiste. È questa la sentenza emessa dal giudice per le udienze preliminari di Lanusei Paola Murru nei confronti di due allevatori di Bitti, Luigi Farre di 27 anni e Sebastiano Orunesu di 29, arrestati dai carabinieri di Jerzu dopo essere stati trovati in possesso di due chili di marijuana. Gli avvocati dei due avevano sostenuto l’uso personale dello stupefacente acquistato in grandi quantità per questioni di comodità vista l’impossibilità, secondo le dichiarazioni dei giovani, di coltivarla o trovarla con facilità nel Nuorese, mentre il pubblico Ministero Francesca Salvatore aveva chiesto ben tre anni di reclusione.
Fonte: Agi

Non è chiaro quindi se si tratta di una notizia “rimaneggiata” o se effettivamente c’è stata una nuova sentenza in questi giorni (ci stiamo informando). In ogni caso vale ciò che abbiamo scritto sopra e l’articolo del 2005 conferma ulteriormente quanto abbiamo sostenuto: da allora ad oggi infatti, non tutti i processi per possesso di ingenti quantità di marijuana si sono conclusi con assoluzioni simili, ANZI.

Sentenze simili si sono verificate di recente e sono state spiegate nel dettaglio in questi testi dal nostro legale di fiducia, l’avvocato Carlo Alberto Zaina: Stupefacenti, Cassazione: può essere ‘uso personale’ anche se la quantità è rilevante | Motivazioni sentenza ingente quantità di sostanze stupefacenti

Il nostro compito è anche quello di combattere la disinformazione in tema stupefacenti motivo per cui siamo particolarmente attenti e sensibili a episodi del genere. Sono molti i siti internet che approfittano e “cavalcano” sentenze di questo tipo per raccogliere qualche visita in più: se possiamo comprendere il comportamento dei media generalisti (interessati da sempre più ai numeri che alla vera informazione), non ci capacitiamo di come anche molti siti del settore divulghino queste notizie in modo completamente distorto.
Era già successo in passato, nel 2011, con la notizia (anche in quel caso “rimaneggiata”) che la coltivazione di una pianta di marijuana non costituiva reato, diventata virale sui social network e purtroppo succederà ancora.

Vi consigliamo di approfondire sempre determinati argomenti, evitando così di sottovalutare situazioni che potrebbero crearvi seri problemi e guai con la legge.
Per ulteriori informazioni visitate la nostra sezione L’AVVOCATO RISPONDE

Be Sociable, Share!

    Articoli simili

    3 commenti »

    • sebastiano scrive:

      Buongiorno.
      La sentenza esiste ed e’ stata pronunciata giovedi dalla sesta sez. Della corte di cassazione.
      Io sono l’avvocato che ha proposto il ricorso. La sentenza del 2005 riguarda il primo grado di questo processo, dovei due erano stati assolti per essere la,sostanza posseduta destinata ad uso personale. Su appello de pm erano stati condannati in 2 grado e, successivamente, su ricorso degli imputati,assolti il,24.01 dalla cassazione.
      La corte ha ” semplicemente ribadito il principio che anche in presenza di quantita molto superiori alla dmg, spetta al pm dimostrare la finalita’ di spaccio. Se ciò non avviene ed il soggetto afferma di essere consumatore, deve essere assolto in mancanza diprova contraria.
      Cmq non fidatevi: si tratta di una sentenza effettivamente coraggiosa e rispettosa della legge. Ma come dimostra l’ iter del processo, gli imputati hanno fatto 3,mesi di arresti domiciliari e sono anche stati anche condannati in secondo grado, prima di essere definitivamente assolti

    • admin scrive:

      Grazie per l’intervento e la precisazione ma sarebbe opportuno e utile conoscere il numero della sentenza, in modo da poter verificare i fatti e soprattutto farli approfondire e commentare dal nostro legale di fiducia.

    • sebastiano scrive:

      La sentenza, o meglio la motivazione, non è ancora stata materialmente redatta, in quanto l’udienza si e’ tenuta solo pochi giorni fa ed alle parti e’ stato comunicato solo l’esito dal brogliaccio della cancelleria. Non appena sara’ disponibile la motivazione la si potrà leggere. Per adesso sappiamo che la cassazione ha annullato la sentenza di condanna della Corte d’appello di Cagliari senza rinvio perché il fatto ( DETENZIONE DI CIRCA 900 GR A TESTA) non costituisce reato.

    Lascia un commento!

    Aggiungi il tuo commento qui sotto, oppure esegui un trackback dal tuo sito. Puoi anche iscriverti a questi commenti via RSS.

    Sii gentile, rimani in argomento. Lo spam non sarà tollerato.

    È possibile utilizzare questi tag:
    <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

    Questo sito web supporta i Gravatar. Per ottenere il proprio globally-recognized-avatar, registra un account presso Gravatar.