Droga, Cassazione: sì a riduzione pene per piccolo spaccio. “Fuori dal carcere migliaia di detenuti”
30 maggio 2014 – 10:50 | Nessun commento

Vanno rideterminate al ribasso le condanne definitive per spaccio di droghe leggere, inflitte nel periodo in cui era in vigore la legge Fini-Giovanardi, dichiarata incostituzionale lo scorso febbraio. E’ quanto hanno stabilito le sezioni unite …

Leggi l'articolo completo »
Cannabis World

articoli e news sugli utilizzi ricreativi, medici e industriali

Attualità

notizie dal mondo, curiosità, articoli, servizi sull’attualità

Psicoattivo

etnobotanica, sostanze psicoattive, info, esperienze

Input

articoli, segnalazioni, recensioni di film, libri, musica, blog, viaggi…

Attivismo

spazio dedicato all’antiproibizionismo e non solo

Home » Cannabis World, War on Drugs

Il boicottaggio della Canapa

Scritto da – 28 gennaio 2013 – 14:347 commenti
Il boicottaggio della Canapa

E farò germogliare per loro una pianta di grande fama, e non saranno più consumati dalla fame nel paese.
Ezechiele 34/29

L’erba non è dannosa per il corpo né la mente. Non fa finire nessuno in qualche programma di riabilitazione. Non comporta alcuna minaccia per la gente comune, mentre rappresenta un gran rischio per le compagnie petrolifere, le industrie dell’alcol, del tabacco ed un mucchio di aziende chimiche. Grandi imprese con un sacco di dollari ed influenza politica hanno nascosto la verità al popolo: l’erba è illegale soltanto perché i miliardari vogliono restare tali.

marconspiracyINTRODUZIONE
Sapevate che si stima che la canapa abbia circa 25.000 possibili usi? Dal cibo, alle vernici, al carburante, ai materiali per l’abbigliamento e la edilizia. Fibre di canapa sono contenute nelle bustine di the Lipton Red Rose, e diverse autovetture al giorno d’oggi contengono materiali ricavati dalla canapa.

Il più antico reperto della industria umana è un pezzo di tela di canapa ritrovato in Mesopotamia (stesso ritrovamento anche in Cina – n.d.t.) e risalente a circa 8000 anni prima di Cristo. La più antica testimonianza di un manufatto cartaceo risale a circa 2000 anni fa, è stato ritrovato in Cina ed è fatto di fibra di canapa. Nel 2500 aC i faraoni usarono la canapa per la costruzione delle grandi piramidi.

Nel XVI secolo la canapa era così importante in Inghilterra che il re Enrico VIII approvò una legge nel 1553 che sanzionava tutti gli agricoltori che non riservassero almeno un quarto di acro alla coltivazione della canapa, su ogni 60 ettari di terreni coltivabili di loro proprietà. C’è stato perfino un periodo storico protratto per oltre 200 anni in cui negli Stati Uniti era possibile pagare le proprie tasse in canapa. Nel 1850 erano presenti oltre 8.300 aziende produttrici di canapa negli Stati Uniti.

Ogni 3,6 secondi una persona nel mondo muore di fame. I semi di canapa sono la soluzione più nutriente ed economica per porre fine alla fame nel mondo. Con una concentrazione per l’80% di grassi ‘buoni’, proteine ​​contenenti tutti ed 8 gli aminoacidi più nutritivi, e fibre alimentari, la canapa è realmente una fonte di cibo perfettamente equilibrata dal punto di vista nutrizionale. La natura ha fornito le sostanze nutritive essenziali per il ripristino e il mantenimento di uno stato di salute ottimale in questo concentrato di sostanze benefiche, del tutto privo di glutine, colesterolo e zuccheri. I semi di canapa grezzi sarebbero la migliore fonte di cibo del pianeta in quanto contengono proteine, grassi essenziali, vitamine ed enzimi. [fonte: http://www.healing-source.com]

seeds

Il primo motore diesel fu progettato per essere alimentato con oli vegetali, uno dei quali era olio di canapa. Nel 1930 Henry Ford produsse una automobile composta per il 70% di plastica di canapa, la quale funzionava con carburante a base di olio di canapa. Nel 2001 una Hempcar fece il giro del nord America alimentandosi ad olio di canapa.

Le opere di Rembrandt (1606 – 1669), Van Gogh (1853-1890) e Gainsborough (1727 – 1788) furono dipinte su tela di canapa, spesso con colori a base di olio di canapa.

Più del 50% di tutti i pesticidi chimici spruzzati nel mondo vengono usati nella coltivazione del cotone. La canapa è otto volte più resistente agli agenti esterni del cotone ed è molto più impermeabile alla corrosione da ossigeno. La canapa può crescere vigorosamente fino a 16 piedi in 100 giorni senza l’uso di pesticidi e diserbanti nocivi. Salutare per la pelle e per l’ambiente. Un acro di canapa può produrre la stessa quantità di fibra grezza di ben 4,1 acri di alberi. Usando la canapa per la produzione di carta si ricaverebbe un prodotto molto più resistente di quello attuale, che non ingiallisce con l’età. Inoltre, l’utilizzo della canapa come fonte primaria per la produzione della carta stroncherebbe la necessità di disboscare le grandi e antiche foreste che contribuiscono al controllo del clima e alla pulizia dell’aria che respiriamo.

“LA MARIJUANA È PERICOLOSA”
La marijuana non è una minaccia per la gente comune. E’ molto più pericolosa per le compagnie petrolifere, le industrie dell’alcool e del tabacco ed un gran numero di aziende chimiche. Diverse grandi imprese, grazie alla loro influenza e al potere dei dollari hanno nascosto la verità al popolo. La verità è che se la marijuana fosse stata utilizzata in una vasta gamma di prodotti commerciali, avrebbe creato una bomba atomica industriale! Gli imprenditori sono inconsapevoli delle abnormi potenzialità della canapa. I super ricchi hanno contribuito a diffondere disinformazione in merito ad una pianta estremamente versatile che se utilizzata correttamente avrebbe mandato in fallimento le loro aziende.

Ma da dove proviene il nome ‘marijuana‘? Esso fu coniato verso la metà degli anni ’30 con il preciso intento di offuscare la buona immagine e la storia fenomenale della pianta di canapa, come leggerete. I fatti qui citati, comprensivi di riferimenti, sono verificabili nella Enciclopedia Britannica, la quale tra l’altro, per circa 150 anni fu stampata su carta di canapa:

- Fino al 1880 i libri di scuola erano stampati su carta di canapa o lino. (Reconsidered, Jack Frazier, 1974).
- Dal 1631 fino agli inizi del 1800, in America era del tutto legale pagare le tasse in canapa. (Los Angeles Times, 12 agosto, 1981).
- Nel XVI e XVII secolo il rifiuto di coltivare la canapa in America era considerato illegale! (La Canapa nella Virgina Coloniale, GM Herdon.)
- George Washington, Thomas Jefferson e altri padri fondatori coltivavano la canapa. Jefferson contrabbandò semi di canapa dalla Cina alla Francia e poi in America. (Washington e Jefferson Diaries.)
- Benjamin Franklin possedeva una delle prime cartiere americane, in cui si usava la canapa come materia prima. Inoltre, la guerra del 1812 fu combattuta per la canapa, dal momento che Napoleone voleva interrompere la sua esportazione da Mosca all’Inghilterra. (Emperor Wears No Clothes, Jack Herer).
- Per migliaia di anni, il 90% delle vele e le corde nautiche furono prodotte con la canapa. (Dizionario del Nuovo Mondo Webster.)
- Fino al 1820 (anno di introduzione del cotone) tutti i tessuti, i vestiti, i tendaggi, le lenzuola, ecc erano fatti di canapa. Le prime bibbie, mappe, grafici, bandiere; le prime bozze della Dichiarazione di Indipendenza e della Costituzione erano fatti di canapa. (US State Archives.)
- Il Mechanical Engineering Magazine (ed. Febbraio 1938) pubblicò un articolo del titolo: ‘La pianta più redditizia e desiderabile che possa essere coltivata‘. In questo articolo si affermava che se la canapa fosse stata coltivata utilizzando le tecniche del XX secolo, sarebbe diventata la pianta più coltivata negli Stati Uniti e nel resto del mondo.

Le seguenti informazioni provengono direttamente dagli archivi del Dipartimento della Agricoltura americana che nel 1942 produsse un filmato di 14 minuti per incoraggiare e istruire «agricoltori patriottici americani a coltivare 350.000 acri di canapa all’anno per supportare lo sforzo bellico. Il filmato rinvenuto dal ricercatore Jack Herer è stato giudicato attendibile dalla Library of Congress, che ha respinto le istanze di altre agenzie governative le quali asserivano che il film ‘Hemp for Victory’ fosse un falso.

«…(Quando) i templi greci erano ancora nuovi, la canapa era già una antica alleata al servizio del genere umano. Per migliaia di anni questa pianta fu coltivata in Oriente per fabbricare cordami e tessuti. Nei secoli precedenti il 1850 tutte le navi che solcavano i mari occidentali erano dotate di corde e vele fatte di canapa. Per il marinaio, non meno che per il boia, la canapa era indispensabile

…Ora che le fonti di approvvigionamento di canapa indiane e filippine sono cadute nelle mani dei giapponesi, la canapa americana deve rispondere alle esigenze del nostro Esercito e Marina, nonché delle nostre industrie…»

La coltivazione e produzione di canapa non danneggia l’ambiente. Il Bollettino USDA 404 ha concluso che la canapa produce 4 volte più delle comuni colture, causando un inquinamento di 4-7 volte inferiore.

Da Popular Mechanics, Febbraio 1938:
‘Ha una breve stagione di crescita, può essere coltivata in ogni stato, le sue lunghe radici penetrano copiose nel terreno lasciandolo in perfette condizioni per il raccolto dell’anno successivo. La sua densa cortina di foglie, da 8 a 12 piedi da terra, soffoca le erbacce. La canapa, questa nuova coltivazione, può aggiungere un valore incommensurabile alla agricoltura e l’industria americana.’

Nel 1930 questa risorsa unica avrebbe potuto creare milioni di nuovi posti di lavoro e generare migliaia di prodotti di qualità. La canapa, se non fosse stata dichiarata illegale, avrebbe condotto l’America fuori dalla Grande Depressione.

William Randolph Hearst (il Citizen Kane di Orson Welles – nella foto) e la Hearst Paper Manufacturing Division della Kimberly Clark – tra i più grandi produttori di carta al mondo – avevano però acquisito le proprietà di giganteschi appezzamenti di boschi. Il nonno di Patty Hearst, sistematico devastatore della natura per fini lucrativi, stava per perdere miliardi di dollari a causa della canapa.

Nel ’37 Dupont brevettò i processi produttivi per la fabbricazione di plastica da petrolio e carbone. La relazione annuale della Dupont esortò gli azionisti a investire nella nuova divisione petrolchimica.
Materiali sintetici come plastica, cellophane, nylon, celluloide, metanolo, rayon, dacron, ecc, stavano per essere immessi sul mercato, e la industria della canapa naturale avrebbe mandato a monte oltre l’80% del business Dupont.

LA COSPIRAZIONE DEL CAMBIO DEL NOME
Andrew Mellon – tra i principali investitori Dupont – proprio in quel periodo divenne segretario del Tesoro della amministrazione Hoover, e nominò il futuro nipote acquisito – Harry J. Anslinger – a capo della divisione Narcotici e Droghe Pericolose del Federal Bureau.

Si tennero riunioni segrete tra magnati finanziari. La canapa fu dichiarata pericolosa in quanto costituiva una seria minaccia per molte imprese industriali e finanziarie. Per preservare il potere di alcune dinastie, la canapa doveva sparire. Questi uomini decisero di ribattezzare la canapa con una strana parola sconosciuta, tratta dal gergo messicano: ‘marijuana‘ e iniziarono la manipolazione della coscienza d’America.

MANIPOLAZIONE MEDIATICA
I mass media intrapresero la ‘crociata‘ tra la fine degli anni ’20 ed i ’30. I giornali della Hearst si diedero a ‘denunciare’ senza sosta ‘gli orrori della marijuana,’ e dopo non molto la ‘minaccia’ della marijuana fece notizia. Ai lettori fu insegnato che questa pianta fosse la principale causa di tutti i mali che affliggevano la società americana, dagli incidenti stradali allo scadimento della moralità.

Film come ‘Reefer Madness’ (1936), ‘Marijuana: Assassin of Youth’ (1935) e ‘Marijuana: Weed of Devil’ (1936) furono progettati a tavolino per fini propagandistici allo scopo di ottenere il sostegno della opinione pubblica, così che le leggi anti-marijuana potessero essere applicate a furor di popolo.

N.d.t. – Ecco una breve clip tratta dal film Reefer Madness, molto utile a crearsi una idea del clima che circondava la canapa:

Esaminiamo le seguenti citazioni tratte da ‘Reefer Madness’:
- E’ un narcotico violento.
- Suscita atti di violenza scioccante.
- Suscita pazzia incurabile.
- Distrugge le anime.
- Quest’uomo sotto l’influenza della droga ha ucciso tutta la sua famiglia con un’ascia.
- Più feroce, più mortale della eroina e della cocaina, è la minaccia della marijuana!
- Reefer Madness non si concludeva con la frase ‘The End’ come qualsiasi altro film dell’epoca, ma con una esortazione a caratteri cubitali: ‘Ditelo ai Vostri Figli!’

Negli anni ’30 molta gente era ingenua o ignorante. Le masse erano come pecore in attesa di essere guidate dai pochi detentori del potere. Dunque nessuno si sognò di contestare la voce della autorità. Se la notizia era riportata dalla stampa e la radio, non poteva che essere attendibile. Educarono i figli sulla base di quelle esortazioni ed i figli crebbero e diventarono i genitori della generazione del baby-boom.

Il 14 aprile 1937, il disegno di legge Prohibitive Marihuana Tax Law – che dichiarava illegale la pianta di canapa – fu presentato al Ways and Means Committee, unico comitato legittimato a presentare un disegno di legge alla Camera senza che lo stesso sia preventivamente discusso da altre commissioni. Il Presidente del Ways and Means, Robert Doughton – grande investitore nella Dupont – si fece carico della sua approvazione presso il Congresso.

Il dottor James Woodward, medico e avvocato, testimoniò in ritardo a nome della AMA (American Medical Association), denunciando che la associazione di cui era rappresentante non fosse a conoscenza del fatto che la marijuana corrispondesse in realtà alla canapa. Poche persone in quel momento si erano rese conto che la minaccia mortale di cui avevano letto sulle prime pagine dei quotidiani Hearst era in effetti la canapa, di cui la AMA stessa aveva per circa un secolo utilizzato il principio attivo per la realizzazione di molti farmaci.

Nel settembre del 1937 la canapa diventò a tutti gli effetti illegale. Fu da quel giorno, da quando la coltura più utile e curativa fu bandita, che il nostro pianeta iniziò a soffrire. Il Congresso la proibì sulla base della convinzione che fosse causa della maggior parte degli atti violenti dovuti alla assunzione di droghe.

Anslinger restò a capo della Commissione per 31 anni, e per quasi tutta la durata del proprio mandato promosse la idea che i consumatori di marijuana tendessero ad assumere comportamenti violenti. Per magia però la sua versione mutò radicalmente negli anni ’50, durante la ‘minaccia comunista’, periodo in cui Anslinger pensò bene di avvertire che il consumo di marijuana rendesse le truppe troppo pacifiche e pigre, quindi inadeguate al combattimento.

Oggi, il nostro pianeta versa in una situazione molto grave. Ampie porzioni di foreste pluviali scompaiono ogni giorno. L’inquinamento, i veleni e le sostanze chimiche industriali stanno uccidendo la gente. Questi gravi problemi potrebbero essere risolti se si procedesse alla re-industrializzazione della canapa. Si tratta di una biomassa naturale in grado di sopperire a tutte le esigenze energetiche del pianeta fornite attualmente dai combustibili fossili. La canapa potrebbe essere la soluzione per i prezzi del gas in crescita.

DevilWeed

LE MERAVIGLIE DELLA CANAPA
- La canapa è una fibra di qualità superiore rispetto alla fibra di legno. La produzione di carta da canapa richiede l’impiego di un numero di sostanze chimiche caustiche molto inferiore rispetto alla produzione della carta da legno. Inoltre la carta di canapa non ingiallisce ed è molto resistente.
- Tutti i prodotti attualmente in plastica potrebbero essere ricavati dall’olio di semi di canapa. La plastica di canapa è biodegradabile! Si arresterebbe la deforestazione. Il processo produttivo della vasta gamma di articoli realizzabili in plastica di canapa non inquinerebbe i fiumi come ormai da un secolo fanno la Dupont e le altre società petrolchimiche. L’ecologia non è in sintonia con i piani dell’industria petrolifera e della macchina politica. I prodotti in canapa sono sicuri e naturali.
- La canapa potrebbe essere utilizzata per la produzione di svariati farmaci. Dovremmo tornare ai giorni in cui l’AMA prescriveva cure a base di cannabis. Oggi l’uso della marijuana per fini terapeutici è concesso a norma di legge solo ad una manciata di persone, mentre tutti gli altri sono costretti a curarsi con farmaci a base di sostanze chimiche. L’erba è solo salutare per il corpo umano.
- La fame nel mondo potrebbe finire. Una grande varietà di prodotti alimentari possono essere generati dalla canapa. I semi contengono una delle più alte fonti di proteine ​​in natura. Inoltre contengono due particolari acidi grassi essenziali che ripuliscono l’organismo dal colesterolo. Questi acidi grassi essenziali non si trovano altrove in natura! Il consumo di semi di canapa è la cosa migliore che possiate fare per il vostro organismo. Mangiate semi di canapa crudi.
- Gli abiti dovrebbero essere confezionati in fibra di canapa. L’abbigliamento di canapa è così forte e durevole nel tempo che potrebbe essere usato per generazioni. Oggi alcune aziende americane producono abiti parzialmente in canapa, di solito al 50%. I tessuti in canapa dovrebbero essere ovunque, e invece sono quasi una roba underground. I mass media fascisti non sono autorizzati a pubblicizzare alcun prodotto a base di canapa. Il Kentucky, un tempo lo stato americano con la maggiore produzione di canapa, ha perfino reso illegale indossare abiti di canapa! Riuscite a immaginare l’assurdità di andare in galera per aver indossato dei jeans di qualità?

Il mondo è pazzo, ma questo non vuol dire che dobbiamo unirci alla sua follia. Restiamo uniti. Diffondiamo queste informazioni. Diciamo alla gente la verità. Cancelliamo la parola ‘marijuana’ da cui iniziò tutta questa mistificazione. Lottiamo contro la propaganda (progettata per favorire l’ordine del giorno dei super ricchi) e le fesserie che si dicono sulla canapa. La canapa dovrà essere utilizzata in futuro.

Le industrie dei liquori, del tabacco e del petrolio spendono oltre un milione di dollari al giorno allo scopo di mantenere legali le loro sostanze. Abbiamo visto tutti i loro spot. Ultimamente, il loro motto è: ‘Accidenti, a quanto pare è più pericolosa di quanto pensassimo.’ Le bugie iniziate con la Hearst, sono vive e vegete.
Il lavaggio del cervello continua. Ora gli spot dicono: ‘Se compri erba contribuisci alle guerre tra bande di narcotrafficanti.’ Oppure: ‘Se compri una canna promuovi il terrorismo! Il nuovo ‘nemico’ ha spianato la strada per un nuovo luogo comune da usare al bisogno. Ma il nemico è uno solo: la gente ‘amichevole’ alla quale paghiamo le tasse per fare la guerra e distruggere la natura. E’ con i nostri soldi che stanno uccidendo il mondo proprio davanti ai nostri occhi. Mezzo milione di decessi ogni anno sono causati dal tabacco. Mezzo milione dall’alcol. (E chissà quanti dal petrolio e l’industria chimica – n.d.t.). Nessuno è mai, dico mai morto per avere fumato della marijuana! In tutta la storia del genere umano, non un solo decesso può essere attribuito alla cannabis. La nostra società ha bandito l’erba, ma consente l’uso di tabacco e alcool. La canapa deve essere riabilitata e rimessa in commercio nelle drogherie, per alleviare lo stress. L’uso della canapa allarga le arterie (e abbassa la pressione – n.d.t.), che è una condizione di salute. Siamo stati condizionati a pensare che il fumo sia nocivo, ma ciò non è vero nel caso del fumo di canapa.
L’assunzione del thc, il principio attivo della canapa, ha effetti provatamente positivi sull’asma e il glaucoma. Una canna tende ad alleviare la nausea causata dalla chemioterapia. La canapa stimola l’appetito.

Lo stereotipo del fumatore di marijuana è simile a quello di un ubriaco rimbecillito. In realtà il consumo di canapa affina le capacità creative degli individui. La percezione del tempo rallenta leggermente e si diventa più percettivi. Si è in grado di apprezzare con maggiore partecipazione tutte le arti, di essere più vicini alla natura e in genere di percepire più cose. Quindi stiamo parlando di uno stato mentale all’opposto rispetto agli effetti dell’alcol.

269361_550879008257390_1621439485_n

APPROFONDIMENTI E NOTE FINALI
Un aspetto molto importante delle risposte via e-mail all’articolo che avete appena letto è giunto sotto forma di storie personali. Queste testimonianze rispondono chiaramente alla domanda se la canapa sia benefica o dannosa. Ora, un tema così controverso può non piacere a tutti. Non tutte le e-mail contenevano elogi. C’erano i fanatici che sprizzavano retorica sulle colpe di chi propone la legalizzazione in America, quelli che tiravano in ballo ‘il cancro del polmone’ e quelli che cercavano di istruirmi in merito alle tossine contenute nella marijuana.
Ebbene, la canapa non contiene tossine. Mi piacerebbe rispondere a Judge Judy, che adduce come prova il test del follicolo pilifero, la vera ragione per cui il THC resta nell’organismo per così tanto tempo. Se fosse una tossina, un veleno o una qualche altra sostanza dannosa, il rigetto e l’espulsione da parte dell’organismo sarebbero immediati. Ma l’organismo non fa niente per espellerlo, in quanto sa che il principio attivo della canapa, è benigno. Non dovremmo ascoltare la verità dentro di noi, piuttosto che la spazzatura in onda in televisione?

Scherzi a parte, il rapporto tra le e-mail a favore rispetto alle e-mail contrarie è stato di 100 a uno. Per ognuno che mi ha aggredito e ricoperto di insulti (per lo più persone molto giovani), ci sono stati circa un centinaio di amministratori, educatori, alcuni scienziati, attivisti e gente comune che mi hanno riportato le loro esperienze private positive. Molti hanno affermato che le normali terapie mediche ed i medici abbiano miseramente fallito. L’unico sollievo per le loro malattie era prodotto dalla assunzione di canapa illegale. Diamo un’occhiata ad alcune tra le più significative.

Email del 18/06/05: Mi è stata diagnosticata una AVM (malformazione arterio-venosa), neuro-malattia che mi fa avere attacchi di epilessia. Al secondo appuntamento con il neurochirurgo abbiamo stilato l’elenco delle sostanze che stavo assumendo in quel momento, ossia la marijuana. Il medico mi ha lanciato un’occhiata furba e mi ha detto: ‘in via ufficiosa, questa sostanza le serve a ridurre sensibilmente la pressione sanguigna, quindi non può che giovare alla sua epilessia. Naturalmente, io non le ho detto niente.”

18/06/05 Ho seguito un corso universitario sugli stupefacenti non farmacologici, ed ho appreso che un tempo la marijuana era legale ed era prescritta dai medici e dispensata dai farmacisti per far fronte ad una grande varietà di problemi di salute: ipertensione, insonnia, glaucoma, asma, ecc. Ho anche appreso che il governo decise di imporre una tassa di 25 dollari su ogni prescrizione medica ed una tassa di 35 dollari su ogni vendita da parte dei farmacisti. In segno di protesta, entrambe le categorie decisero di smettere di trattare la sostanza. Per tutta risposta, il presidente Harriman incluse la marijuana nella sua legge sugli stupefacenti del 1914: la legge Harriman. In quella legge la marijuana fu equiparata in tutto e per tutto ai narcotici di classe 4, quelli nocivi, la cui assunzione non comporta alcun beneficio medico, e ciò malgrado nessuno avesse alcuna prova della sua supposta nocività.

18/06/05 Lei non ha menzionato la ragione più importante per cui è in corso una guerra senza quartiere contro la legalizzazione della marijuana: essa in realtà è usata con successo per la terapia del dolore, e non comporta alcun effetto collaterale grave, peculiarità che l’industria delle droghe legali non ha mai conseguito con tutte le stronzate costose brevettate che chiamano farmaci. Non vogliono perdere i loro introiti miliardari provenienti dal commercio di questi farmaci fasulli, i quali potrebbero essere facilmente soppiantati da una pianta che chiunque sarebbe in grado di coltivare nel proprio cortile.

18/06/05 Fumo erba dal 1962. Ora ho 83 anni e vorrei aver cominciato quando ero un adolescente.

18/06/05 Ho un grande rispetto per la cannabis, in quanto l’ho assunta a seguito di una lesione del midollo che mi procurai diversi anni fa. I medici mi prescrissero stupefacenti per alleviare il dolore, ma quei farmaci non funzionavano ed io soffrivo le pene dell’inferno. L’unico antidolorifico che funzionava era la cannabis. Ho fatto un po’ di ricerche ed ho scoperto che la cannabis è inclusa tra le droghe dannose. Bisogna che sia esclusa da quella lista in cui viene equiparata all’oppio, l’eroina e la cocaina. Tutto ciò è totalmente ridicolo e falso. Se non fosse stato per la cannabis non sarei guarito … E l’AMA è la peggiore, la più orrenda di tutti perché incoraggia i medici a prescrivere farmaci che conducono al deterioramento del corpo. Sì, si tratta di un complotto, fin dall’inizio. L’industria del legno sarebbe spazzata via in un lampo. Io vivo nel sud dell’Oregon, e qui abbiamo è la più grande industria del legno.

18/06/05 Ho 41 anni e soffro di fibrosi cistica, una malattia genetica che spesso uccide la gente intorno ai 32 anni. Ho il peggior tipo di mutazione genetica, ma sono ancora in vita, con gran stupore da parte dei mio medico curante. Il motivo? Forse la canapa! Io la uso in modo moderato, circa 2-3 volte a settimana, di solito mangiandola, e gli effetti di questa erba funzionano molto bene su di me. La fibrosi cistica uccide le persone con la polmonite. La canapa asciuga le secrezioni e affama i batteri fino ad ucciderli. Ma ancora più utili sono le sue funzioni antiossidanti, che impediscono la degradazione del tessuto polmonare. Un’altra caratteristica della fibrosi cistica è la distruzione del sistema digestivo, specie pancreas, stomaco, fegato ed intestino. Tutto ciò di solito comporta una inibizione dell’appetito. Invece il mio appetito funziona bene, grazie alla santa canapa. Mi evita di perdere troppo peso e aiuta le mie difese immunitarie contro l’infezione polmonare. Se il mio medico sapesse la verità, inizierebbe a coltivarla!

18/06/05 Sono un veterano disabile ed ho trascorso 17 anni assumendo farmaci convenzionali. Mi sono trasferito in Arizona, ed uno sciamano Pima mi ha consigliato una ‘erba’ da usare come un tè per abbassare la pressione sanguigna. Entro 3 settimane la mia pressione passò da 210/146 a 130/70. Ovviamente, ho lasciato i farmaci convenzionali ed ora faccio l’attivista per la diffusione delle cure a base di erbe per curare i mali dell’umanità! Tra l’altro, giusto per escludere che io sia un ‘drogato’, sappi che ho servito per 8 anni nella marina, 2 anni come responsabile della polizia di Palm Beach County (Florida) e 17 anni come paramedico. Ho un Master in Teologia presso l’Indiana Wesleyan University. Grazie per avere il coraggio di pubblicare la verità.

23/06/05 Doug, ho parlato a Montel Williams del tuo articolo sulla ‘marijuana’, dato che ha la sclerosi multipla e sta battendosi per la legalizzazione della marijuana per scopi medicinali. Siccome conduce un talk show televisivo, ho pensato che forse avrebbe dato un po’ di pubblicità al tuo articolo.

30/06/05 Non so se ci hai mai riflettuto, ma dopo molte ricerche mi sono convinto che JFK fu assassinato a causa della canapa. Era un utilizzatore noto a causa del suo mal di schiena, ha licenziato Anslinger appena entrato in ufficio e si dice che avesse in programma di abolire il regime proibizionistico. Purtroppo non è mai giunto ad un secondo mandato. Forse potresti fare delle ricerche per conto tuo e vedere se trovi qualche altro elemento a sostegno della mia teoria. Ha senso, non credi? Tenere informate le persone un giorno alla volta, è la nostra unica possibilità.

2/2/07 In quanto utilizzatore di marijuana medica per molti anni, posso dire che non sarei ancora qui senza di essa. I farmaci convenzionali mi avevano fatto diventare un vegetale; non ho alcun ricordo dei due anni della mia vita che ho trascorso sotto morfina. Ora vivo una vita piena e attiva, gestisco un’impresa e cresco i miei figli.

marijuana-1-main-pic-638x425

Quelli che avete letto sono solo alcuni dei più interessanti commenti tra le centinaia che questo articolo ha ricevuto in risposta. Scrivendo della canapa, rispondendo alle e-mail e vivendo questa esperienza sul web, ho imparato che esistono davvero molti tipi di persone. Non si può piacere a tutti. Chi viene considerato ‘brillante’ da una persona risulta spregevole a qualcun altro. La gente ‘crede’ di conoscere la verità, ma la verità è che conosce solo ciò che è stata programmata a conoscere. Pochissime persone si preoccupano di fare ricerche indipendenti. Troppo lavoro. Preferiscono stare seduti davanti la tv e permettere ad altri di inculcargli una serie di false certezze. Non mettono in dubbio ciò che viene spacciato loro per verità. Mentre è importante esplorare altre possibilità al di fuori della norma, aspirare ad un mondo diverso e prendere atto che i nostri leader ci hanno mentito. Solo in questo modo si può imparare qualcosa ed avvicinarsi alla libertà che tutti noi giustamente meritiamo. Un pianeta più sano e più sicuro un giorno sarà realtà. Ci vorrà del tempo, ma sarà realtà.

Dedicato a V per Vendetta e tuti coloro che hanno il coraggio di cambiare il mondo in meglio!

di Doug Yurcheey | Sintesi e traduzione a cura di Anticorpi.info
Link originale: http://blog.world-mysteries.com/science/the-marijuana-conspiracy/

Be Sociable, Share!

    Articoli simili

    7 commenti »

    • one. scrive:

      Mai letto un articolo più completo e preciso di questo. Complimenti.

    • Giuseppe scrive:

      ciao,seguo spesso il tuo sito e per me sei una grande forma di informazione, sono d’accordo con le tue idee,e ogni giorno della mia vita penso a quanto facciano schifo le multinazionali ecc e a quanto vorrei un mondo diverso..un mondo in cui non ci siano i soldi, il potere avanti a tutto… ma le persone, gli ideali, la natura..un mondo fatto di verità, di sorrisi e di gioia, gioia di vivere in un mondo pulito puro..in cui l’uomo è quel personaggio “buono”.. amico di tutto e di tutti..non ciò che è ora l’uomo almeno per me, un personaggio cattivo, spregevole.. mi chiedo perchè al potere ci son andati sempre e solo persone sbagliate..per colpa di esse, ce tantissima gente, che come me, non vive bene non vive felice di essere umana.. perchè non è giusto che per via di queste merde gente come me vive in un mondo creato su basi sbagliate..sull’imbroglio..sul dio denaro..che comanda su tutti e tanti mette sotto anche al giorno d’oggi.. un mondo io direi fittizio in cui sogni desideri della gente e per lo più sogni e desideri inculcati dai mass media dalle tv ecc sono privi di ideali sono solo distrazioni che imprigionano l’uomo e lo inducono a “non pensare” a trascorrere la sua vita tra false verità false convinzioni..è questa secondo me è una cosa orrenda..grazie del tuo lavoro continua cosi, spero che ci siano dei cambiamenti nel mondo..anche se, tutto quello che è stato fatto fin ora è incancellabile e imperdonabile a mio giudizio.. siamo “liberi” ma io nn vedo tutta questa libertà.

    • [...] di questa pianta con un accanimento mai visto, portata avanti negli ultimi 70 anni (vedi articolo Il boicottaggio della canapa), ci si sta scontrando con l’evidenza. Anche nel nostro Paese sta rifiorendo un’industria [...]

    • [...] di questa pianta con un accanimento mai visto, portata avanti negli ultimi 70 anni (vedi articolo Il boicottaggio della canapa), ci si sta scontrando con l’evidenza. Anche nel nostro Paese sta rifiorendo un’industria [...]

    • Nicola scrive:

      Articolo veramente stupendo!!! COMPLIMENTI!!!

    • paolo scrive:

      Spero che un giorno tutti quanti in questo mondo possano rendersi conto che siamo solo marionette governate da questi sporchi leader, che pensano solamente ad arricchirsi, a carico nostro e del NOSTRO pianeta ;e che finalmente ci si ribbeli ad essi, riprendendoci la liberta che spetta di diritto ad ognuno di noi.CANAPA LIBERA!

    • Mino scrive:

      Sul mensile nazionale I mezzi Agricoli di novembre 2013, che è già in edicola, c’è un interessantissimo e ampio servizio sulla coltivazione della canapa e su tutti i suoi usi… Lo scrive anche il giornalista che questa pianta è osteggiata dalle lobby antiproibizioniste e dal fintoperbenismo. Vi consiglio la lettura. Parla anche il presidente di Assocanapa…

    Lascia un commento!

    Aggiungi il tuo commento qui sotto, oppure esegui un trackback dal tuo sito. Puoi anche iscriverti a questi commenti via RSS.

    Sii gentile, rimani in argomento. Lo spam non sarà tollerato.

    È possibile utilizzare questi tag:
    <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

    Questo sito web supporta i Gravatar. Per ottenere il proprio globally-recognized-avatar, registra un account presso Gravatar.