Droga, Cassazione: sì a riduzione pene per piccolo spaccio. “Fuori dal carcere migliaia di detenuti”
30 maggio 2014 – 10:50 | Nessun commento

Vanno rideterminate al ribasso le condanne definitive per spaccio di droghe leggere, inflitte nel periodo in cui era in vigore la legge Fini-Giovanardi, dichiarata incostituzionale lo scorso febbraio. E’ quanto hanno stabilito le sezioni unite …

Leggi l'articolo completo »
Cannabis World

articoli e news sugli utilizzi ricreativi, medici e industriali

Attualità

notizie dal mondo, curiosità, articoli, servizi sull’attualità

Psicoattivo

etnobotanica, sostanze psicoattive, info, esperienze

Input

articoli, segnalazioni, recensioni di film, libri, musica, blog, viaggi…

Attivismo

spazio dedicato all’antiproibizionismo e non solo

Home » Cannabis World, News, War on Drugs

Istigazione a delinquere condannato titolare del Canapaio

Scritto da – 6 marzo 2013 – 15:40Un commento
Istigazione a delinquere condannato titolare del Canapaio

Sei mesi di reclusione, col beneficio della sospensione condizionale e della non menzione della pena sulla fedina penale, per aver diffuso informazioni sulla coltivazione e le proprietà della cannabis. E’ la condanna inflitta con rito abbreviato dal gup Paola Artusi a Luca Marola, noto attivista locale dei Radicali Italiani nonché gestore del “Canapaio Ducale”. Una sentenza di cui ancora non si conoscono le motivazioni, ma che di certo è destinata a sollevare dibattito nel mondo dell’antiproibizionismo.

Luca Marola, infatti, da anni gestisce due botteghe in Oltretorrente (una in piazzale Picelli e una in via D’Azeglio) che offrono tutto il necessario per la coltivazione di cannabis (compresi i semi), oltre a promuovere informazioni sui molteplici utilizzi della canapa indiana. Ad oggi la legge italiana vieta la detenzione di piante se il livello di Thc (principio attivo di hashish e marijuana) supera certi limiti. La giurisprudenza ha però stabilito che l’attività di queste botteghe, sparse in tutta Italia, è lecita.

Marola è finito nei guai perché gestisce anche il sito del Canapaio, nel quale si trovano informazioni sui prodotti venduti nei negozi ed è possibile effettuare ordini online. Il pm Paola Dal Monte ha indagato Marola per istigazione pubblica al consumo di sostanze stupefacenti, un reato previsto nell’articolo del codice penale riguardante lo spaccio. Il magistrato aveva anche ottenuto il sequestro del sito, poi dissequestrato dal Riesame , che lo ha ritenuto uno strumento di libera manifestazione del pensiero.

Il procedimento penale è andato avanti, però, e oggi si è chiuso con una sentenza di condanna. Ma non per istigazione al consumo di sostanze illecite. Il giudice ha infatti derubricato il reato a istigazione a delinquere generica (articolo 414 del codice penale). Non sono ancora note le motivazioni del provvedimento. Quello che è certo, invece, è il ricorso in appello.

“La sentenza a sezioni unite della Cassazione del 12 ottobre 2012 stabilisce che quello che viene contestato a me, come ad altre persone in tutta Italia, non configura reato – spiega Marola – il mio avvocato, così come il pm, ha chiesto che ne venisse tenuto conto. A rigor di logica, dovevo essere assolto. Invece, qui c’è stata una degradazione a reato generico. Si può raccontare come una barzelletta. Ma ci sono diversi procedimenti simili, altri tribunali si sono pronunciati diversamente. Quando andremo in appello sicuramente la giurisprudenza sarà più cristallizzata. Dimostreremo che non c’è reato”.

L’avvocato Paolo Paglia, codifensore insieme a Ferdinando Piccinini, spiega qual è stata la linea difensiva: “La nostra tesi è che non vi sia ipotesi di reato, perché il fatto di esporre le qualità di un determinato prodotto, o delle modalità di coltivazione in termini scientifici, non istiga a commettere nulla di illecito. Paradossalmente si potrebbe dire che chi espone o vende coltelli induce qualcuno all’aggressione, o lo stesso per le fiction che mostrano le tecniche di uccisione degli assassini”.

di Maria Chiara Perri

Fonte: Parma.repubblica.it

Be Sociable, Share!

    Articoli simili

    Un commento »

    • OldG scrive:

      vorrei precisare che la legge italiana vieta qualsiasi tipo di coltivazione della pianta di canapa, cosa imprecisamente riportata in questo articolo. Le coltivazioni di canapa tessile o che rientrano nelle soglie di contenuti di principi attivi, hanno comunque bisogno di autorizzazione da parte dello stato sottoforma di suoi ministeri e/o uffici.

    Lascia un commento!

    Aggiungi il tuo commento qui sotto, oppure esegui un trackback dal tuo sito. Puoi anche iscriverti a questi commenti via RSS.

    Sii gentile, rimani in argomento. Lo spam non sarà tollerato.

    È possibile utilizzare questi tag:
    <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

    Questo sito web supporta i Gravatar. Per ottenere il proprio globally-recognized-avatar, registra un account presso Gravatar.