Pagina 3 di 5 PrimaPrima 12345 UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 50

Discussione: Nuova sezione a cura dell'Avv. Zaina

  1. #21
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Località
    lass sta
    Messaggi
    1,533
    Mentioned
    3 Post(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Yomi Visualizza Messaggio
    Benvenuto avvocato Zaina! Spero di non avere mai bisogno di lei!
    hai vinto yomiiiiiiii!! quotone.
    buona permanenza avvocato, grazie mille enjoint!!!
    Vede meglio un anziano seduto,
    che un giovane in piedi.
    Non importa la grandezza di una canna,
    l'essenziale conta in qualità!!

  2. #22
    Data Registrazione
    Dec 2012
    Messaggi
    17
    Mentioned
    1 Post(s)
    Una bella idea davvero passerò spesso a dare un'occhiata

  3. #23
    Data Registrazione
    Feb 2013
    Messaggi
    1,027
    Mentioned
    71 Post(s)
    Mi permetto di segnalare a tutti gli interessati la pubblicazione in home page dell'ordinanza della Corte di Appello di Roma che rimette alla Corte Costituzionale la questione concernente la legittimità dell'art. 73, relativamente al trattamento sanzionatorio omogeneo tra cannabis e droghe pesanti.
    Credo possa costituire strumento utile per tutti coloro che hanno in corso un procedimento penale, che su questo presupposto può essere sospeso, laddove altri giudici non ritengano di inviare a loro volta gli atti alla Consulta.

  4. #24
    Data Registrazione
    Feb 2013
    Messaggi
    10
    Mentioned
    0 Post(s)
    sei un mito Avvocato Zaina !!!!!!!

  5. #25
    Data Registrazione
    Feb 2013
    Messaggi
    1,027
    Mentioned
    71 Post(s)
    Per tutti coloro che siano titolari di esercizi di vendita di semi di cannabis, ricordo la SSUU del 18 ottobre - 7 dicembre 2012 (Bargelli+1) che ha escluso la configurabilità dell'art. 82 nella vendita di semi. Poichè non riesco ad allegarla al presente post, se qualcuno ne avesse bisogno può richiedermene copia.

  6. #26
    Data Registrazione
    Nov 2012
    Località
    in una casa
    Messaggi
    148
    Mentioned
    0 Post(s)
    Benvenuto avvocato!
    ॐalien homes ☮ love is the key ॐ N ҉ A ҉ M ҉ A ҉ S ҉ T ҉ E
    vrooom vroom...to the next dimension :D


    • ░ૐ Ɲαɱα§ɫé नमस्ते ૐ ░ •

  7. #27
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Messaggi
    120
    Mentioned
    0 Post(s)
    grazie mille!

    ben venuto!

  8. #28
    Data Registrazione
    Nov 2012
    Località
    .......... my mind
    Messaggi
    1,701
    Mentioned
    0 Post(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Avv. Zaina Visualizza Messaggio
    Per tutti coloro che siano titolari di esercizi di vendita di semi di cannabis, ricordo la SSUU del 18 ottobre - 7 dicembre 2012 (Bargelli+1) che ha escluso la configurabilità dell'art. 82 nella vendita di semi. Poichè non riesco ad allegarla al presente post, se qualcuno ne avesse bisogno può richiedermene copia.
    benvenutooooo

  9. #29
    Data Registrazione
    Feb 2013
    Messaggi
    1,027
    Mentioned
    71 Post(s)
    Gentilissimi lettori e frequentatori del forum desidero richiamare la vostra attenzione sulla necessità che tutti collaboriate segnalando situazioni che possono apparire particolarmente interessanti sul piano del diritto, per potere creare una rete di informazione sulle ultime novità in materia di decisioni giurisprudenziali.
    Per quanto di mia competenza posso segnalare sentenze emesse dalla Corte di Cassazione oppure concernenti procedimenti che tratto, ma mi interessa conoscere anche pronunzie di altri giudici di merito, che a torto, vengono trascurate e che, invece, posso essere molto utili, per potere promuovere idee ed eccezioni.
    Solo da un serio confronto sullo stato dell'arte possiamo comprendere quale evoluzione si potrà avere in materia.
    Ricordate, poi, che non sono le proteste dei movimenti politici o di opinione a provocare le modifiche giurisprudenziali, perchè questi enti arrivano sempre..dopo.
    E' la esperienza quotidiana forense a permettere di porre la basi per la abrogazione o sostituzione di leggi sbagliate.
    E credetemi non abbiate un'idea sempre così negativa e giacobina degli operatori del diritto; anche noi commettiamo errori, ma per quanto mi riguarda siamo con voi.

  10. #30
    Data Registrazione
    Feb 2013
    Messaggi
    1,027
    Mentioned
    71 Post(s)
    Permettemi - per una volta - di parlarvi di me.
    Desidero affrontare un tema assai caldo, che involge le modalità dell'informazione giuridica dell'avvocato verso i cittadini, svolta per mezzo internet e con specifico riferimento alle novità giurisprudenziali e legislative.
    Tutti voi conoscete il fine divulgativo e di confronto delle mie 2 pagine Facebook.
    Esse non contengono mai vacue amenità, riferimenti personali privati, selfie di varia natura e gusto, commenti generici politici o sportivi, insulti, parolacce ed altro.
    Tutti voi sapete, inoltre, che consultando le mie pagine Facebook - condivise da numerosi utenti - potete trovare costanti aggiornamenti in materia penale, con particolare e specifico riferimento al diritto degli stupefacenti.
    Si tratta di un tema che, costantemente, appare in evoluzione (basti pensare le modifiche giurisprudenziali degli ultimi due anni) e che è divenuto una branca nevralgica della più ampia categoria penalistica e processualpenalistica.
    La ricchezza degli argomenti e delle tematiche è fuori discussione.
    Succede ora che con una pensata che non esito a definire "ironicamente" geniale il nuovo codice deontologico, concepito dagli alti vertici dell'Avvocatura, all'art. 35 comma 9 - pretendendo di regolare l'uso del web - vieti (come potete leggere infra) l'uso dei social network agli avvocati che intendano svolgere attività di comunicazione professionale (ma non a chi, invece, voglia raccontare pubblicamente questioni private, sciocchezze di vario genere, stati di animo et similia).
    Non sto, qui, a riportare la capziosa ed inconcepibile ragione addotta, che mi appare del tutto irragionevole ed inconcepibile..
    Seguendo, dunque, e rispettando questa stravagante idea, io (come altri avvocati impegnati in questo senso) non solo dovrei aprire un sito web ad hoc (assumendo ulteriori costi di istituzione e gestione), ma perderei, certamente quel contatto diretto ed immediato con voi che è il segreto dell'efficacia di questa comunicazione.
    Voi che avete la pazienza di leggermi verrete, a propria volta, privati di un'iniziativa che, se non altro cerca di suscitare confronto e discussione su temi caldi e che è - a mio parere - un'evidente espressione dell'art. 21 Cost., in tema di libertà di pensiero.
    Lungi, infatti, dall'assumere mai e neppure minimamente posizioni di collusione od in favore dell'uso degli stupefacenti e dell'istigazione a condotte illecite, il sottoscritto ha sempre cercato, invece, di informare rigorosamente i cittadini relativamente ai propri doveri ed ai propri diritti concernenti il rispetto del dpr 309/90, senza sconti od indulgenze.
    Ho, infatti, sempre cercato di chiarire la mia tassativa posizione favorevole alla sola desanzionalizzazione di talune condotte, e, indi, favorevole alla legalizzazione solo in relazione al tema dell'assunzione o della coltivazione di cannabis per fini terapeutici.
    Voglio, quindi, dirvi che :
    1) ho consultato il mio Ordine di appartenenza affinchè mi dia il propri parere ed attendo risposta,
    2) non escludo, peraltro, di sollecitare l'impugnazione di questa norma assolutamente incredibile (e sto usando a fatica eufemismi)
    3) non escludo, inoltre di proseguire, anche dopo il 16 dicembre 2014, data di entrata in vigore del codice deontologico come forma di disobbedienza civile.
    Consentitemi di osservare molto maliconicamente (dopo 35 anni di professione) che l'autolesionismo degli avvocati - intesi come categoria professionale - è certamente senza pari e non ha riscontri in altri settori.
    Non abbiamo la capacità di difenderci da un disegno egemone (V. Commissione Gratteri), che vuole tacitare e neutralizzare il diritto di difesa, evidenziando ed amplificando abnormemente solo taluni aspetti negativi di malcostume e tacitando la funzione sociale del diritto di difesa tecnica.
    In un momento di fermento normativo e giurisprudenziale concernente la cannabis e gli stupefacenti in genere, la decisione di vietare l'uso dei social network, [che proviene da un ente, che, invece, dovrebbe più preoccuparsi dell'uso sempre più demenziale degli stessi, da parte di molti professionisti che posto comunicati e foto autoreferenziali, privi di minimo interesse e di cui talora ci si dovrebbe addirittura vergognare], sanziona in modo discutibile chi, invece, intende usare correttamente questi mezzi di comunicazione, vi chiedo di manifestare il sostegno alle mie pagine (ed a tutte quelle che ritenete meritevoli perchè tante altre sono a rischio chiusura), soprattutto a STUPEFACENTI E DIRITTO facendo mettere alla stessa il "mi piace".
    Potere dimostrare che la funzione culturale e divulgativa ha un riscontro è l'unica forma di opposizione ad una scelta ingiusta, per cercare di evitare che sia fatta tacere una iniziativa di informazione giuridica rigorosa e seria.
    Grazie

Pagina 3 di 5 PrimaPrima 12345 UltimaUltima

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Questo sito utilizza cookies di analytics su dati esclusivamente aggregati e cookies di terze parti per migliorare l'esperienza dell'utente tramite plugin sociali e video.
Cliccando su oppure continuando la navigazione sul sito accetti i cookies. Per l'informativa completa clicca qui.