Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123
Risultati da 21 a 25 di 25

Discussione: Mailbombing per Commissione Giustizia

  1. #21
    Data Registrazione
    Nov 2004
    Località
    La strada
    Messaggi
    7,622
    Mentioned
    77 Post(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Pawan Kumar - ASCIA Visualizza Messaggio
    Questo è il link del video dell'audizione di Serpelloni del 6 novembre:

    [Only registered and activated users can see links. ]
    Sto buzzurro... dicesse almeno che Strain raggiunge il 55% che lo provo! Da 6 cicli l'anno..ovvero autofiorenti! Insomma lui ha questa documentazione dice... e noi qui a cercare quali autofiorenti sono le migliori! Chiediamo a Serpelloni!

    Quanta quanta disinformazione!
    Ultima modifica di Randagio; 08-11-13 alle 16:46
    "Se per vivere devi strisciare, alzati e muori."

  2. #22
    Data Registrazione
    Jul 2013
    Località
    Appennino selvaggio
    Messaggi
    645
    Mentioned
    59 Post(s)
    Le audizioni previste per martedì 12 novembre sono state rinviate a martedì prossimo, 19 novembre. Da quanto ho capito, faranno le audizioni ogni martedì pomeriggio, fino alla fine del mese. I prossimi ad essere sentiti dovrebbero essere Giorgio Di Lauro, Direttore del Dipartimento per le dipendenze patologiche ASL Napoli 2-nord e Alessandro Meluzzi, portavoce Comunità Incontro Amelia. Anche noi dell'ASCIA abbiamo fatto richiesta di essere ascoltati, ma ancora non ci hanno fatto sapere niente. Personalmente non ho molte speranze neanche io, in primo luogo perché non credo che questo parlamento durerà ancora per un tempo sufficiente a mettere mano a qualcosa, e poi, con tutte queste audizioni, il tempo sta passando inesorabilmente. Quando ci hanno imposto la Fini-Giovanardi l'hanno fatto in un lampo, inserendola incostituzionalmente al volo nel decreto per le olimpiadi invernali, che non c'entravano nulla, senza audizioni, senza ascoltare nessuno, col fare impositivo tipico della destra, eppure sono passati quasi 8 anni ed è ancora in vigore e non ce la facciamo a levarcela di dosso, un esercito di persone innocue ne ha patito le conseguenze e, per anni, nessuno ha detto niente. Almeno adesso la discussione politica sul tema cannabis si è accesa, mentre a livello internazionale c'è un generale ripensamento sugli interventi proibizionisti nella guerra alle droghe. Ma sono lentissimi!
    E, intanto, per noi perseguitati, per le forze dell'ordine, per la magistratura, l'assurda persecuzione continua come sempre, con tutte le spese, i patimenti e i danni inutili. Il bollettino degli arresti si allunga sempre più, le carceri si riempiono sempre più, i tribunali si intasano sempre più, e questi le audizioni le rinviano pure, tanto... che fretta c'è?
    Io non credo proprio che non si rendano conto che il governo delle larghe intese ha i giorni segnati, se volessero fare subito qualcosa di concreto si dovrebbero muovere velocemente, come quando ci mettono nuove tasse ingiuste e balzelli di ogni tipo, o come quando ci hanno imposto, incostituzionalmente, in una notte, la Fini-Giovanardi
    Ultima modifica di Pawan Kumar - ASCIA; 13-11-13 alle 19:40

  3. #23
    Data Registrazione
    Jul 2013
    Località
    Appennino selvaggio
    Messaggi
    645
    Mentioned
    59 Post(s)
    [Only registered and activated users can see links. ]

    La nuova crociata anti cannabis della solita Armata Brancaleone

    Ci sono tre proposte di legge in discussione alla Commissione Giustizia della Camera e, a quanto sembra, a breve tempo ci sarà anche il pronunciamento della Corte Costituzionale sulla legittimità della Fini-Giovanardi, due scadenze che vengono attese con ansia da noi, ma anche da tutti coloro che da sempre sostengono la legge, causa prima ed assoluta di una inspiegabile ed assurda repressione contro i consumatori di cannabis. Ci siamo impegnati a tenere informati, facendo sentire il nostro punto di vista, i membri della Commissione Giustizia su tutto quello che riteniamo necessario per una obiettiva valutazione sul fenomeno del consumo, sulla necessità di regolamentarlo e soprattutto nel fornire dati ed elementi che confutino le tesi ambigue, false e fuorvianti portate a difesa dell’apparato repressivo dalla solita Armata Brancaleone, guidata dal firmatario della legge (il nostro mai sufficientemente disprezzato senatore Giovanardi), dalla sua creatura (il DPA) guidato dalla pregiudiziale ideologica del dott. Serpelloni e dalla solita truppa di servizio al soldo dell’uno o dell’altro. Un’armata che in quanto a qualità combattive risulta invidiabile per la spocchia e la sicumera che impongono, che di disponibilità finanziarie con cui lanciare la Crociata ne dispone in quantità, ma che manca di un elemento importante quando si conduce una battaglia: la credibilità del messaggio che giustifichi l’azione! Prima è sceso in campo Giovanardi a Radio 24.it e al convegno della LUISS riproponendoci la solita voluta confusione con il suo slogan preferito: “le droghe sono tutte uguali“, nel momento storico e sociale in cui tutto il mondo avverte l’urgenza di un cambiamento di rotta almeno nei confronti delle “droghe leggere”. Poi è stato il turno del dott. Serpelloni all’audizione della Commissione Giustizia, che ogni mese aggiorna, in base a non si capisce quali studi o criterio, la percentuale di THC contenuto nella cannabis e continua incoscientemente ad evitare il discorso della prevenzione intesa come educazione sull’uso e sull’abuso, come avviene per alcol e tabacco, privilegiando invece quello della repressione, che tanti soldini fa girare con le comunità di recupero! Ed infine ecco all’attacco la fanteria, con i soliti gruppi integralisti che non permettono alcun confronto sul tema e che delle sante parole del caro senatore e del DPA ne fanno vangelo con cui convincere le masse!
    Segnaliamo a questo proposito l’articolo con cui L’Avvenire apre un’inchiesta sulle droghe leggere, ([Only registered and activated users can see links. ]) consigliando la lettura solo a chi ancora crede nelle fate o in babbo natale, perché per tutti coloro che invece non vivono più di piacevoli menzogne, risulta spregevole e strumentale l’utilizzo di argomenti drammatici per nascondere una realtà nazionale che, con la semplice regolamentazione per la coltivazione di poche piante ad uso personale, risolverebbe il problema del narcotraffico nostrano e di decine di migliaia di ingiusti processi e di altrettanto ingiuste carcerazioni.

    Questa volta non lanciamo una mailbombing, ma se qualcuno volesse far pervenire alla redazione di “Avvenire” la propria indignazione e disgusto, questo è il contatto: [Only registered and activated users can see links. ]
    Giancarlo Cecconi – ASCIA

    fonte: Legalizziamolacanapa.org
    Ultima modifica di Pawan Kumar - ASCIA; 14-11-13 alle 22:04

  4. #24
    Data Registrazione
    Jul 2013
    Località
    Appennino selvaggio
    Messaggi
    645
    Mentioned
    59 Post(s)
    Ho questo aggiornamento, ma non è un video, è solo audio, durata 1h 13' 54", da Radio Radicale. Audizione 21 novembre 2013, di Mauro Palma, Presidente della Commissione per l'elaborazione degli interventi in materia penitenziaria presso il Ministero della Giustizia:

    [Only registered and activated users can see links. ]

  5. #25
    Data Registrazione
    Jul 2013
    Località
    Appennino selvaggio
    Messaggi
    645
    Mentioned
    59 Post(s)
    Allora, l'audizione di Palma è tutta dedicata al problema carceri sovraffollate, pene alternative alla detenzione, con accenni alla revisione della normativa sugli stupefacenti (più che altro alle pene della Fini-Giovanardi). A me è interessato sentirla, perché ho passato 6 mesi della mia vita dentro le carceri italiane per la cannabis, mi ha fatto piacere sentire finalmente sostenere che i detenuti dovrebbero lavorare dentro il carcere, e anche fuori, perché quello che logora psicologicamente nei carceri italiani è proprio la noia, i detenuti sono trattati come animali, vengono nutriti, lavati, ma segregati tutto il tempo senza fare niente, chi non sa come controllare la mente rischia di andare fuori di testa in breve tempo, spesso aiutato dai criminali incalliti più prepotenti. Altro che recupero alla società!
    Comunque dovranno fare qualcosa per le carceri prima di maggio, e presentare il progetto di questo "qualcosa" entro la fine di questo novembre, altrimenti l'Europa ci multa.

Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Questo sito utilizza cookies di analytics su dati esclusivamente aggregati e cookies di terze parti per migliorare l'esperienza dell'utente tramite plugin sociali e video.
Cliccando su oppure continuando la navigazione sul sito accetti i cookies. Per l'informativa completa clicca qui.