Pagina 7 di 7 PrimaPrima ... 567
Risultati da 61 a 64 di 64

Discussione: Persecutori nati

  1. #61
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    3,176
    Mentioned
    260 Post(s)
    Si adesso ne e' uscito con i matrimoni fatti all'estero non hanno valore con la costituzione italiana,diciamocelo francamente ma???? Poteva lasciar perdere sia per l'una che x l'altra???????????????

  2. #62
    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    3,176
    Mentioned
    260 Post(s)
    Ma poi penso e'che caz.. Lo abbiamo votato noi (io non lo votato,pero' se c'e' dove e' siamo noi a permetterlo con le votazioni apunto!,adesso dico la mia,alfano con le sue uscite lo afianco molto a giovanardi,ecco questo e il mio pensiero,

  3. #63
    Data Registrazione
    Jul 2013
    Località
    Appennino selvaggio
    Messaggi
    645
    Mentioned
    59 Post(s)
    [Only registered and activated users can see links. ]

    Aldrovandi, gip chiede al Senato l’autorizzazione a procedere per Giovanardi


    In una intervista alla "Zanzara" il senatore definì "un cuscino" il sangue dietro la testa

    Il gip del tribunale di Ferrara Monica Bighetti ha chiesto al Senato l’autorizzazione a procedere per diffamazione aggravata nei confronti di Carlo Giovanardi. I difensori Davide Giovanardi e Simone Agnoletto, nel corso dell’udienza tenuta lo scorso 6 febbraio, avevano chiesto l’archiviazione della querela, intentata da Patrizia Moretti, per l’insindacabilità delle sue opinioni espresse in qualità di parlamentare. Il gip le ha respinte e ha disposto l’invio degli atti alla giunta per le immunità di palazzo Madama, che ora dovrà deliberare per la prosecuzione o meno del procedimento penale. Le indagini a carico di Giovanardi, affidate al pm Stefano Longhi, si erano chiuse a settembre e il senatore era stato sentito in procura nel luglio scorso per rispondere delle dichiarazioni rese il 29 marzo 2013 al programma radiofonico “La Zanzara” di Radio24. Il senatore viene intervistato da Cruciani sui fatti di Ferrara, ovvero il sit-in del Coisp in piazza Municipale, con la madre di Federico Aldrovandi, Patrizia Moretti, scese in strada mostrando la gigantografia del figlio morto, con il viso sfigurato dalle ferite. Al conduttore de “La Zanzara” Giovanardi disse che “quella macchi rossa che è dietro è un cuscino, non è sangue quello là…”. Un’affermazione che lasciava intendere che la madre avesse distorto la realtà per “indurre – scrive il pm – artatamente nell’opinione pubblica un falso convincimento in ordine alle condizioni del cadavere del ragazzo”. E invece era proprio vera. “Si tratta della foto del volto di Federico – spiegherà la madre in sede di querela -, ancora vestito degli abiti che indossava al momento della morte, sul lettino dell’obitorio, scattata di consulenti del pubblico ministero in sede di autopsia” e “utilizzata al momento del processo come facente parte del compendio fotografico dei medici legali”. Per il gip Giovanardi si esibì in dichiarazioni, “contrarie al vero, in maniera consapevole e volontaria o comunque senza verificare la fondatezza delle proprie affermazioni (così volontariamente accettando il rischio di riferire circostanze false”.

  4. #64
    Data Registrazione
    Aug 2014
    Messaggi
    1,246
    Mentioned
    143 Post(s)
    Quote.....".....Per il gip Giovanardi si esibì in dichiarazioni, “contrarie al vero, in maniera consapevole e volontaria o comunque senza verificare la fondatezza delle proprie affermazioni....."


    Io mi auguro che tutti rispondano delle proprie azioni...e parole....Seriamente!
    Certo che se la mettiamo cosi l'80% dei politici del mondo (non solo d'italia!!!!!!) finirebbero in galera.

Pagina 7 di 7 PrimaPrima ... 567

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Questo sito utilizza cookies di analytics su dati esclusivamente aggregati e cookies di terze parti per migliorare l'esperienza dell'utente tramite plugin sociali e video.
Cliccando su oppure continuando la navigazione sul sito accetti i cookies. Per l'informativa completa clicca qui.