Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 11

Discussione: Iper-razionalismo e panpsichismo

  1. #1
    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    101
    Mentioned
    12 Post(s)
    Ciao, propongo al forum le seguenti mie riflessioni sul mondo contemporaneo, non con l'intento di accusare qualcuno o condannare qualcosa, ma con la speranza di un contraddittorio utile alla comprensione...

    Secondo me le scoperte che hanno portato a pensare che l’informazione, o secondo me che la realta’ della natura si evolva necessariamente verso l’informazione ed probabilmente al suo incremento continuo, persino a questo punto uno può’ pensare esponenzialmente (teoria singolarita’). Cio’ mi ricorda i sistemi di pensiero fissista, con un modus operandi quasi religioso, anche se in questo caso impersonale, ad esempio il disegno intelligente o principio antropico. Cioe’ tutto si evolve verso uno scopo, nel caso di prigogine unire materia e spirito (o energia), o meccanico ed organico (vitalismo). Come nel caso del quantum mechanics. Sistema di pensiero dualista.

    Riguardo prigogine penso che il suo pensiero possa essere ricondotto ad una forma di panpsichismo, cioe’ che la materia sia costituita’ da una coscienza. Ma cio’ mi riconduce alla iper-razionalita’ di cui sto leggendo su internet, riconducibile politicamente ad una forma di fascismo, oggi alt-right che vede se stesso o vuole proporsi come risposta anti-materialista, contro il materialismo liberale e comunista, contro il mondo sensibile e a favore del trascendentale quindi. Anche se l’iper-razionalismo propagandato nei libri su internet prende di mira anche posizioni intermedie, o dualiste, come quantum mechanics e kant, naturalmente: perche’ secondo me riconducono la realta’ ad una visione non solo razionale, ma anche sensibile, ed in sostanza mettono “l’uomo come misura di tutte le cose”, in sostanza.

    Riguardo la matematica che costituirebbe la realta’ come ad esempio du satoy, matematico che applica lo stesso principio degli hyper-razionalisti per dimostrare la propria visione del mondo, il principio della ragion sufficiente di liebniz, cioe’ tutto cio’ che e’ razionale deve necessariamente essere vero…e su questo costruiscono tutte le teorie realiste e razionaliste, il culto della matematica mi porta a pensare al nautilus, o alla serie di fibonacci, o regola aurea. Inoltre come non menzionare Pitagora?, solo che dopo la sua comparsa si ha la fine della scienza nel modo greco, inaugurata con talete.

    Secondo me il problema che si pone e’ che il mondo della materia e’ per sua natura finito, risponde all’entropia, mentre il mondo della informazione, o consapevolezza, e’ per sua natura immateriale quindi puo’ si in tal caso evolvere autonomamente ed indefinitivamente aumentare. La terra e’ un sistema chiuso ed entropico quindi aumentera’ la disinformazione all’aumentare dell’entropia, o man mano che cresce l’informazione fino all’equilibrio e poi? La decrescita? O la singolarita’ come sostiene prigogine?
    Io combatto la tua idea, che è diversa dalla mia, ma sono pronto a battermi fino al prezzo della mia vita perché tu, la tua idea, possa esprimerla liberamente.

  2. #2
    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    101
    Mentioned
    12 Post(s)
    Di seguito riporto un copia/incolla della descrizione di uno dei libri a cui mi riferisco, mi ha sempre intrigato questo genere, non sapendo nulla e non avendo trovato una "etichetta " su questo genere ho scritto l'aricolo precedente....

    Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: 41xD4VMT1XL._SY346_.jpg 
Visualizzazioni: 0 
Dimensione: 12.4 KB 
ID: 123833

    Contra Mundum by [Weishaupt, Adam]

    Contra Mundum

    "I'm plotting revolution against this lie that the majority has a monopoly of the truth. What are these truths that always bring the majority rallying round? Truths so elderly they are practically senile. And when a truth is as old as that, gentlemen, you can hardly tell it from a lie." - Dr Stockmann (in Henrik Ibsen's play "An Enemy of the People")

    Contra Mundum is a handbook for all those who think there is something fundamentally wrong with the world. The ancient Gnostics claimed that the world was actually created and ruled by the Devil (the Demiurge), hence why everything is so hideous, unfair and horrific.

    Modern Gnostics (Illuminists) assert that the problem with the world is that it's ruled by the forces of unreason rather than reason, by Mythos rather than Logos, by silly story-based religions rather than mathematics, philosophy and science.

    People are in thrall to their feelings, senses and mystical intuitions, and regard reason and logic as "unreal", "abstract", and boring. Everywhere, rationalism is under assault. Empiricism and relativism are all-conquering.

    Science is useless without mathematics (rationalism), yet proclaims itself the quintessence of empiricism. It claims to be in the business of explaining the universe, but cannot explain what mathematics is ontologically, and why an empirical subject is worthless without the quintessential rationalist subject (mathematics).

    Science is all about experiments, but would achieve nothing without mathematics, which doesn't use experiments at all. Not a single scientist in history has addressed this fundamental contradiction. Remove math from science and you go back to Aristotelianism, alchemy and divination. Why is it mathematical non-empiricism that uniquely elevates an empirical subject such as science into something useful?

    This book also addresses the new irrationalist religions that have appeared of late ... such as Discordianism, the gospel of relativism and subjectivism, much-favoured by internet trolls seeking to sow discord wherever they go.

    The world is in a mess, but it can certainly be fixed ... via reason. Reason, however, is that against which the world has turned its face. Reason is contra mundum, and so are all rational and logical people. They are having to endure a madhouse where reason and logic are despised.
    Humanity refuses to be cured. It loves madness too much. No sane person would be anything other than contra mundum.
    Io combatto la tua idea, che è diversa dalla mia, ma sono pronto a battermi fino al prezzo della mia vita perché tu, la tua idea, possa esprimerla liberamente.

  3. #3
    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    101
    Mentioned
    12 Post(s)
    Premio a Sergio Ferrara per la supergravità
    Considerato l’Oscar della scienza e prestigioso come il Nobel, voluto dal miliardario Yuri Milner con Sergey Brin (Google), Mark Zuckerberg (Facebook) e Jack Ma (Alibaba), il Breakthrough 2019 per la fisica fondamentale è stato assegnato al fisico del Cern, premiato con Daniel Freedman e Peter van Nieuwenhuizen per la teoria che realizzerebbe il sogno di Einstein unificando relatività e fisica delle particelle.

    Ora sto proprio leggendo il libro di tamagnone (che e’ ateo) “indeterminismo”, voglio subito dire che riconosco il beneficio sull’uomo nel avere fede, non voglio obbligare nessuno a cambiare idea…solo che leggendo appunto quel libro e trovando molte affermazioni e conclusioni sensate, anche se atee. Volevo riportare qui anche le sue considerazioni sulla teoira del tutto a cui al cern tengono evidentemente tantissimo, hanno quest’anno vinto anche il premio della fisica breakthroug.

    Da “indeterminismo”
    Da un punto di vista rigorosamente teorico, al di là dl confezionamento di una teoria plausibile, resta da domandarsi se insistere in questa ricerca, dal momento che parte dall’a-priori che l’universo “debba” essere deterministico (il che è solo nella mente dei teologi) non sia una contraddizione in termini. E ciò perché presuppone quattro assiomi insostenibili:
    1°, che il cosmo sia un Uno-Tutto;
    2°, che sia omogeneo;
    3°, che sia un “sistema”;
    4°, che le variabili di esso restino immutate nel tempo.
    Ma i quattro assiomi sono tutti negati dalla realtà cosmica.

    Insomma, rimuovono il caso, l’irrazionale. Ora mi sembra, tornando a cio' che penso io...che proprio anche solo considerando la vita di tutti i giorni cio’ sia incomprensibile. Il caso fa parte della vita, come dell’universo. Anzi e’ generatore di varieta’, novita’ di causa esso stesso.

    Concludo con la speranza come essere umano che la nostra civilta' diventi talmente efficiente da invertire l'entropia, come fanno tutti gli organismi viventi. Come pessimista penso che non evolveremo verso una consapevolezza superiore e che insomma non siamo ai vertici dell'universo.
    Ultima modifica di Hollyweed; 11-08-19 alle 19:23
    Io combatto la tua idea, che è diversa dalla mia, ma sono pronto a battermi fino al prezzo della mia vita perché tu, la tua idea, possa esprimerla liberamente.

  4. #4
    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    101
    Mentioned
    12 Post(s)
    Spero solo che al cern e quanti altri si occupino di simulare la complessita' dei fenomeni naturali, non finiscano per combinare qualche casino...perdita libero arbitrio, matrix, minority report qualche film distopico che mi viene in mente.

    Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: main-image.jpeg 
Visualizzazioni: 2 
Dimensione: 154.5 KB 
ID: 123907

    La staua di shiva al cern

    Clicca l'immagine per ingrandirla. 

Nome: dance-of-destruction-shiva-CERN.jpg 
Visualizzazioni: 8 
Dimensione: 42.0 KB 
ID: 123908

    Fanno il ballo di shiva il distruttore prima di avviare l'accelleratore di particelle?!
    Io combatto la tua idea, che è diversa dalla mia, ma sono pronto a battermi fino al prezzo della mia vita perché tu, la tua idea, possa esprimerla liberamente.

  5. #5
    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    101
    Mentioned
    12 Post(s)
    Devo rettificare quanto ho scritto in precedenza, riguardo all’area di appartenenza di questa forma di olismo gnostico e millenarista…secondo lo scrittore jacob taubes dovrebbe essere fascismo di sinistra che critica la borghesia Che si isola e crea un sostituto dell’emacipazione umana…comunque ho letto una tesina sull’italian tought, molto studiato nei paesi anglosassoni. Tra i filosofi italiani c’e’ cacciari, ora non vorrei offendere nessuno, sto solo tirando un po’ le somme di quello che leggo.

    L’italian thought di cacciari si rifarebbe alla filosofia Cinica, cioe’ nell’accezione antica del termine. Si lega all’idea di verita’ che non si rifa’ all’universalismo eurocentrico (forma che con il suo capitalismo annulla ed include con arroganza l’altro), cio’ in una visione policentrica del cosmo (non rappresentato dall’antropocentrico universalismo, ma che include tutti gli esseri viventi animali e vegetali). Quindi non si fonda su identitarismo regressivo, ma su sincretismo sociale e interazione culturale. L’altra caratteristica e’ la self-sufficiency non caratterizzata da protezionismo e politiche anti-i mmigrazione. Ora penso in italia sia la cultura cattocomunista che potrebbe rappresentare questa descrizione, una cultura che vuole riformare dall’alto…poi c’era negli anni ’70 la variante dal basso, extraparlamentare che secondo me era piu’affine al posmodernismo, relativizzare le grandi narrazioni, incluso il concetto di verita’, forse anche piu’ nichilista.
    Ultima modifica di Hollyweed; 08-09-19 alle 06:44
    Io combatto la tua idea, che è diversa dalla mia, ma sono pronto a battermi fino al prezzo della mia vita perché tu, la tua idea, possa esprimerla liberamente.

  6. #6
    Data Registrazione
    Jul 2019
    Località
    Dipende da tor
    Messaggi
    652
    Mentioned
    17 Post(s)
    Troppo difficile per me ,non ci ho capito una sega

  7. #7
    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    101
    Mentioned
    12 Post(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Charlie74 Visualizza Messaggio
    Troppo difficile per me ,non ci ho capito una sega
    Anche per me, a volte scrivo questo genere di post con la speranza che qualcuno mi dia un opinione o una spiegazione. Ho piu' domande che risposte, e piu approfondisco un argomento e piu' aumentano. A volte cerco di trovare il fil rouge per districare la matassa di cose che leggo, ma credo che sia frutto della mia mente credere che tutto abbia una spiegazione...oppure cerco inconsciamente una difesa. Con la filosofia sono una decisamente schiappa, ciaoo
    Ultima modifica di Hollyweed; 25-11-19 alle 21:21
    Io combatto la tua idea, che è diversa dalla mia, ma sono pronto a battermi fino al prezzo della mia vita perché tu, la tua idea, possa esprimerla liberamente.

  8. #8
    Data Registrazione
    Dec 2019
    Messaggi
    8
    Mentioned
    0 Post(s)
    Sono d'accordo con te riguardo all'importanza del caso.Il tuo viaggio è interessante, ti accompagno umilmente. Passiamo a prendere Eraclito, VI-V secolo avanti Cristo, è uno stronzo, ma ha espresso la curiosa teoria della contrapposizione, secondo la quale ogni cosa esiste e trae la sua virtù in funzione della contrapposizione ad un'altra. Secondo la teoria, possiamo ragionevolmente affermare che THC e cbd siano in contrapposizione con i recettori cb1 e cb2, da qui possiamo fare ipotesi sulle differenze di sensibilità individuali e posso ragionare sull'equilibrio tra la contrapposizione descritta e la sua contrapposizione con il mio disagio psichico. Ora propongo un esercizio, si chiama La catena delle contrapposizioni. L'antiproibizionismo trae la sua virtù nella contrapposizione al proibizionismo, ma il proibizionismo esiste in contrapposizione all'esercizio della capacità di autodeterminazione dell'individuo, continuiamo la catena. P.S. speriamo di incontrare Socrate che è simpaticissimo, vai da lui con una domanda e ne torni con dieci, ci vai vestito di certezze e torni nudo come quando sei nato.

  9. #9
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    885
    Mentioned
    40 Post(s)
    Per me il caso non esiste...devo averlo già scritto da qualche parte.
    Provare a pensare che tutto ciò che succede ha senso di succedere (e infatti succede) ci porta anche ad assumerci una maggiore Responsabilità nelle cose che facciamo.
    Inoltre ci spinge ad una cosa fondamentale per l'essere umano, che è quella di cercare di Capire....
    L'altro giorno sentivo una canzone di Hortense Ellis , cantautrice reggae che dice "God works in mysterious ways"...ciò che è incomprensibile spesso lo bolliamo come "caso" ma non ci accorgiamo di quanto possa essere terribile vivere nel "caso".
    Il caso è un invenzione della nostra mente.
    C'è sempre una ragione, anche quando viene fuori un determinato numero da un lancio di dadi.
    C'è la fisica quantistica: come si fa a parlare di caso.

    Se si segue dunque questa strada, quella dell'abolizione del caso dalla nostra mente si arriva a diventare padroni della nostra vita. E soprattutto a pensare che ogni cosa che succede , succede per un motivo e succede per metterci alla prova, per farci crescere, per insegnarci.
    Per il concetto di karma facciamo un altra volta.
    Hidden Content Originariamente Scritto da Pawan Kumar - ASCIA Hidden Content
    adesso li facciamo ballare con un'altra musica, la nostra, quella della Verità.
    Hidden Content

  10. #10
    Data Registrazione
    Dec 2019
    Messaggi
    8
    Mentioned
    0 Post(s)
    Grazie Potpot23 quello che hai detto mi arricchisce l'anima.Poco fa ci siamo lasciati con una domanda. Ho chiesto a Socrate, mi ha detto che la nostra ricerca potrebbe essere limitata dalla nostra anima in senso Socratico, cioè come il centro dove è racchiusa la nostra conoscenza. Ha detto di continuare comunque perché anche se non raggiungiamo la verità la nostra anima sarà ottimizzata e crescerà la sua virtù. Torniamo alla nostra domanda, cosa è in contrapposizione all'esercizio dell'autodeterminazione individuale ? Da un primo ragionamento si potrebbe rispondere "il pensiero unico", però pensando al pensiero unico nella sua meschinità non mi sento di contrapporlo a una cosa nobile com'è ciò di cui parliamo. Allora mi viene in mente l'aberrazione che il pensiero unico riesce a creare per mezzo della industria culturale , cioè l'immaginario collettivo appunto manipolato. L'immaginario collettivo è molto potente, nella storia dell'umanità, tramite la sua manipolazione i fautori del pensiero unico sono riusciti a convincere interi popoli a distruggerne altri, o a lasciare morire in mare persone autoassolvendosi. Insomma l'immaginario collettivo manipolato non ci permette di esercitare la nostra capacità di analisi e giudizio, ci minaccia di essere ostracizzati dalla nostra famiglia e dagli amici e ha molta presa sulle persone deboli e inclini alla sottomissione. Detto ciò mi sembra di poter contrapporre l'immaginario collettivo manipolato, all'esercizio della capacità di autodeterminazione dell'individuo.
    La domanda aperta a tutti ora è: cosa si può contrapporre all'immaginario collettivo manipolato?

    Caro Hollyweed e cari tutti ho delle parole riadattate da una canzone di Rino Gaetano che vi passo come un joint"A te che leggi il mio topic forse sorridendo, giuro che la stessa rabbia sto vivendo. Siamo su la stessa barca io e te". A presto.
    Ultima modifica di massimo.conta; 14-02-20 alle 13:06

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Chi Ha Letto Questa Discussione: 21

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Questo sito utilizza cookies di analytics su dati esclusivamente aggregati e cookies di terze parti per migliorare l'esperienza dell'utente tramite plugin sociali e video.
Cliccando su oppure continuando la navigazione sul sito accetti i cookies. Per l'informativa completa clicca qui.