Thanks Thanks:  9
Mi piace Mi piace:  15
Non mi piace Non mi piace:  0
Risultati da 1 a 6 di 6

Discussione: Coltivare Cannabis: ma quale reato? E' disobbedienza civile!

  1. #1
    Data Registrazione
    Feb 2004
    Località
    Pianeta Terra
    Messaggi
    5,230
    Mentioned
    548 Post(s)
    Ad un certo punto della sua vita - nel 1846 - Henry David Thoreau fu arrestato. Il grande filosofo e scrittore statunitense si rifiutò infatti di pagare una tassa imposta dal suo governo. Tassa che serviva a finanziare una guerra schiavista nei confronti del Messico. Per questo fu prelevato dalla sua dimora e messo in carcere.

    Di lì a breve, uno dei suoi migliori amici e colleghi, Ralph Waldo Emerson, andò a trovarlo. Vedere Thoreau dietro alle sbarre era cosa strana: non si trattava di un emarginato né di un criminale, bensì di una persona distinta e rispettabilissima. Così il suo amico gli chiese: “Henry, cosa ci fai lì dietro?!” La risposta di Thoreau fu: “Caro Waldo, la questione non è cosa ci faccio io qui dietro, ma cosa ci fai tu lì fuori.”

    Quando una legge è ingiusta, può essere giusto infrangerla.

    Questa è la disobbedienza civile e questa è la grande lezione di Henry Thoreau così come di altri grandi del passato, da Malcom X a Nelson Mandela, da Lev Tolstoj a Gandhi. Persone che decisero di infrangere le leggi del loro tempo, per dimostrarci l’insensatezza e l’ingiustizia di tali leggi.

    Oggi, chi coltiva Cannabis (in Italia o in qualsiasi altra zona del mondo) – una pianta che cresce spontaneamente in natura, che non ha dose letale, che non ha mai provocato un singolo morto nella storia dell’umanità, che ha importanti proprietà mediche, che rappresenta una risorsa preziosissima per l’essere umano nonché una valida alternativa al petrolio e i suoi derivati – non compie alcun reato ma, eventualmente, mette in atto un’azione legittima, inoffensiva, pacifica e rivoluzionaria di disobbedienza civile.





    (dalla mia rubrica su Dolce Vita #87 marzo-aprile 2020)
    Ultima modifica di ecko; 02-04-20 alle 11:39
    "Personalmente tra tutti i forum ho scelto Enjoint perchè qui la ganja rappresenta il contorno alla vita di ogni utente, e non il centro attorno a cui ruota il resto. Qui si valorizzano gli utenti come persone prima che come coltivatori." - cit. Mad man

  2. #2
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    1,188
    Mentioned
    48 Post(s)
    Grandissimo Thoreau... bellissimo il suo Walden...e anche Disobbedienza Civile...
    Forse non ce la lasciano coltivare liberamente proprio per i motivi sopra elencati...
    Hidden Content Originariamente Scritto da Pawan Kumar - ASCIA Hidden Content
    adesso li facciamo ballare con un'altra musica, la nostra, quella della Verità.
    Hidden Content

  3. #3
    Data Registrazione
    Feb 2014
    Messaggi
    180
    Mentioned
    53 Post(s)
    Ciao ragazzi, non sapevo dove scrivere e questo topic può sembrare abbastanza attinente.
    Sui commenti di facebook di uno degli ultimi video di Matteo Gracis lo stesso dice che dal 20 aprile di quest'anno cambieranno alcune cose per quanto riguarda la legalizzazione.
    Mi chiedo, c'è un qualcosa di organizzato per il 420? Cosa succederà?

  4. #4
    Data Registrazione
    Feb 2004
    Località
    Pianeta Terra
    Messaggi
    5,230
    Mentioned
    548 Post(s)
    Il 20 lanceremo la campagna di disobbedienza civile collettiva legata all'autoproduzione di cannabis. E' un'iniziativa nazionale promossa da Dolce Vita e altri soggetti. A brevissimo ci sarà l'apertura dell'apposito sito web con tutte le informazioni.
    "Personalmente tra tutti i forum ho scelto Enjoint perchè qui la ganja rappresenta il contorno alla vita di ogni utente, e non il centro attorno a cui ruota il resto. Qui si valorizzano gli utenti come persone prima che come coltivatori." - cit. Mad man

  5. #5
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Località
    Valsusa
    Messaggi
    8,089
    Mentioned
    878 Post(s)
    Citazione Originariamente Scritto da ecko Visualizza Messaggio
    Il 20 lanceremo la campagna di disobbedienza civile collettiva legata all'autoproduzione di cannabis. E' un'iniziativa nazionale promossa da Dolce Vita e altri soggetti. A brevissimo ci sarà l'apertura dell'apposito sito web con tutte le informazioni.
    @ecko , molto interessante come iniziativa.
    L'unica cosa, mi vengono già in mente le reazioni dei proibizionisti:
    "Eccoliiii sti drogaaatiiii, c'è una pandemia e loro si preoccupano di farsi le caaanneeee"
    Hidden Content

    "Rammentiamoci sempre che ogni qualvolta lasciamo scritto qualcosa,si lascia solo delle parole messe li,ognuno poi le interpreta come vuole,non é la stessa conversazione fatta faccia a faccia .." cit. Dantep

  6. #6
    Data Registrazione
    Apr 2017
    Messaggi
    99
    Mentioned
    8 Post(s)
    I proibizionisti proprio per quello che sta succedendo in Italia farebbero enormemente meglio a riflettere piuttosto che giudicare...che di fatto le piante me le faccio a casa mia, non pianto niente a casa loro. È ora che legalizzino sta pianta e pensino a risolvere problemi ben più grandi dei cultivi che abbiamo a casa.
    Se hanno il coraggio di farlo...

Chi Ha Letto Questa Discussione: 48

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Questo sito utilizza cookies di analytics su dati esclusivamente aggregati e cookies di terze parti per migliorare l'esperienza dell'utente tramite plugin sociali e video.
Cliccando su oppure continuando la navigazione sul sito accetti i cookies. Per l'informativa completa clicca qui.