Thanks Thanks:  0
Mi piace Mi piace:  33
Non mi piace Non mi piace:  2
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 14

Discussione: una sola pianta

  1. #1
    Data Registrazione
    Sep 2013
    Messaggi
    10
    Mentioned
    0 Post(s)
    se qualcuno avesse intensione di attrezzare un armadio per sostenere i propi (magri) consumi, con lampade a basso consumo (per evitare megabollette e spiacevoli visite x quanto possibile) , e una pianta ''nana'', con una produzione di 15-30 gr ogni ciclo, 3 mesi circa (continua). A logica ne 'l'attrezzatura' utilizzata ne una produzione di 7-10 gr mese non può sostenere un accusa per spaccio, quindi si cadrebbe sul consumo personale e di conseguenza sulla non rilevanza penale. da un punto di vista economico converrebbe addirittura andare in piazzetta (ma non c'è ne bella gente ne cose buone). purtroppo spesso la logica e le leggi non vanno a di comune accordo... il ragionamento è giusto??
    (suona starano ma l'ho fatta impersonale come richiesto)
    mille grazie a chi risponderà!
    Ultima modifica di nanos; 10-09-13 alle 11:38

  2. #2
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Località
    italia
    Messaggi
    10,079
    Mentioned
    397 Post(s)
    La legge in Italia è molto chiara...che sia 1/100/1000 piante non cambia niente,sempre da 6 a 20 anni di galera di rischia.
    Chi ha paura muore ogni giorno,chi non ha paura muore una volta sola

  3. #3
    Data Registrazione
    Sep 2013
    Messaggi
    10
    Mentioned
    0 Post(s)
    cazzzzz... internet è forviante... con le senteze di gente beccata con una pianta e assolta pensavo che qualcosa fosse cambiato (almeno ci sono dei precedenti). disinformazione mia, grazie mille per la risposta!
    Ultima modifica di nanos; 11-09-13 alle 13:07

  4. #4
    Data Registrazione
    Sep 2013
    Località
    Wayne's World
    Messaggi
    172
    Mentioned
    0 Post(s)
    Realisticamente: molta gente, moltissima, operai, professionisti, manager, fa uso del frutto proibito per curarsi o per rilssarsi.
    Solo in questo forum ci sono 16000 utenti iscritti.
    4000 sono quelli attivi.
    Ipotizzando che solo la metà siano coltivatori, sono 2000 PERSONE che secondo le merdose leggi italiane dovrebbero essere in una cella a fare compagnia a quello che picchia le vecchie negli ascensori per portarle via le ultime 50 euro rimaste della pensione minima che percepisce,al tizio che investe il ladro di iphone minorenne,a quell'altro che rovina la vita ad una donna con l'acido,all'altro ancora che prima si diverte con la segretaria brasiliana,e una volta ingravidata la sopprime.
    Ecco almeno la metà di noi dovrebbe far compagnia a questi individui, per un totale di 12000 anni di galera.12000 anni di contributi versati per mantenere persone che coltivano una pianta.
    Ah e son 2000 persone che una volta fruito del frutto peccaminoso se ne stanno sul divano senza rompere i coglioni a nessuno il piú delle volte!

    E' UNA VERGOGNA PORCO CANE!!!
    Ultima modifica di Padre Ganjesco; 11-09-13 alle 13:16 Motivo: correzioni

  5. #5
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Località
    italia
    Messaggi
    10,079
    Mentioned
    397 Post(s)
    Citazione Originariamente Scritto da nanos Visualizza Messaggio
    cazzzzz... internet è forviante... con le senteze di gente beccata con una pianta e assolta pensavo che qualcosa fosse cambiato (almeno ci sono dei precedenti). disinformazione mia, grazie mille per la risposta!
    È vero,ci sono state sentenze "positive",ma una rondine non fa primavera,la legge sempre quella è
    Chi ha paura muore ogni giorno,chi non ha paura muore una volta sola

  6. #6
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Località
    Valsusa
    Messaggi
    8,208
    Mentioned
    910 Post(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Dantep Visualizza Messaggio
    È vero,ci sono state sentenze "positive",ma una rondine non fa primavera,la legge sempre quella è
    Già, e il caro dottor Zaina, e i pochi suoi colleghi come lui, sono oberati di lavoro..
    Hidden Content

    "Rammentiamoci sempre che ogni qualvolta lasciamo scritto qualcosa,si lascia solo delle parole messe li,ognuno poi le interpreta come vuole,non é la stessa conversazione fatta faccia a faccia .." cit. Dantep

  7. #7
    Data Registrazione
    Feb 2013
    Messaggi
    1,027
    Mentioned
    72 Post(s)
    Caro Yomi mi conceda un precisazione. Io sono talmente lupo solitario che non ho colleghi. Dico sempre di essere l'ultimo, ma di non avere colleghi, perché per averne e' necessario manifestare comunanza di intenti, volontà e prospettiva.
    Anche nel settore cannabis non vivo condivisioni con altri esercenti la professione forense. Ciò non vuol dire che io abbia ragione...forse è addirittura il contrario, ma tant'è.
    Sulla questione principale.ha ragione Dantep abbia avuto la sentenza di Ferrara e quella di Udine, qualche ulteriorebdecisioni assolutoria di Cassazione quest'ulima per insufficienza del thc.
    Ciò nonostante la legge vieta la coltivazione a qualsiasi fine.
    Coltivare significa subire un processo il cui esito è' tutt'altro che scontato, ma che può anche finire in una condanna.
    Continuiamo comunque nella lotta giuriprudenziale sperando si consolidi l'orientamento relativo all'uso personale .

  8. #8
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Località
    nella terra di mezzo 7 a
    Messaggi
    1,515
    Mentioned
    137 Post(s)
    cmq anche fronteggiare un processo e fortunosamente viene concesso l'uso personale, non e' un bel "titolo nobiliare" da esibere per fare colloqui di lavoro oltretutto subire una perquisizione generalmente e' piuttosto traumatico.

  9. #9
    Data Registrazione
    Feb 2013
    Messaggi
    1,027
    Mentioned
    72 Post(s)
    Citazione Originariamente Scritto da mr nice Visualizza Messaggio
    cmq anche fronteggiare un processo e fortunosamente viene concesso l'uso personale, non e' un bel "titolo nobiliare" da esibere per fare colloqui di lavoro oltretutto subire una perquisizione generalmente e' piuttosto traumatico.
    Caro Nice un'assoluzione non viene, ne' può venire esibita, perché non viene trascritta sul certificato penale e, dunque, non sarà mai conoscibile in sede di colloqui di lavoro.
    Concordo, comunque, con lei sulla traumaticita' delle perquisizioni.

  10. #10
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    439
    Mentioned
    18 Post(s)
    Il post di Padre G. mi ha stimolato una riflessione che voglio condividere con voi: qualcuno ha mai provato a stimare la cifra che i coltivatori domestici di cannabis sottraggono alle mafie autoproducendosi il prodotto peccaminoso?
    E' sicuramente molto difficile ma ci si può provare. In Italia si stimano circa 6 milioni di consumatori di cannabis e derivati. E circa 2,5 milioni di piante coltivate annualmente (stime secondo me in difetto trovate qui: http://www.blitzquotidiano.it/opinio...retti-1354189/)
    Prendendole per buone e ipotizzando una resa media di 80 gr. a pianta (forse un po' alta) e un prezzo medio sul mercato nero di 10 €/grammo arriviamo all'astronomica cifra di 2 MILIARDI di € di profitto sottratto alla catena del mercato nero
    Il discorso mi convince. Prendendo ad esempio la mia persona è pacifico che se non fossi autosufficiente (sgratt!! sgratt!) mi rivolgerei alla piazza e ho stimato che solo io ho tolto alla malavita 2.500 €/anno eek:
    Azzo ci dovrebbero dare la medaglia invece di perseguitarci. O forse e per me è così, ci perseguitano proprio per quello?
    Proporrei all'admin un counter in homepage su quanti soldi gli enjointer hanno sottratto alle mafie con la loro passione "criminale".

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Chi Ha Letto Questa Discussione: 1

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

Questo sito utilizza cookies di analytics su dati esclusivamente aggregati e cookies di terze parti per migliorare l'esperienza dell'utente tramite plugin sociali e video.
Cliccando su oppure continuando la navigazione sul sito accetti i cookies. Per l'informativa completa clicca qui.