ONU apre a depenalizzazione droghe
10 marzo 2014 – 15:59 | Un commento

L’Onu riconosce che gli obiettivi nella lotta mondiale contro la droga finora non si sono realizzati e, per la prima volta, ipotizza la “depenalizzazione” del consumo degli stupefacenti: l’importante novita’ arriva da un documento messo …

Leggi l'articolo completo »
Cannabis World

articoli e news sugli utilizzi ricreativi, medici e industriali

Attualità

notizie dal mondo, curiosità, articoli, servizi sull’attualità

Psicoattivo

etnobotanica, sostanze psicoattive, info, esperienze

Input

articoli, segnalazioni, recensioni di film, libri, musica, blog, viaggi…

Attivismo

spazio dedicato all’antiproibizionismo e non solo

Home » Cannabis World

La marijuana fa bene o male?

Scritto da – 26 gennaio 2013 – 12:227 commenti
La marijuana fa bene o male?

Sulla marijuana noi umili lettori siamo come l’asino di Buridano. Non riusciamo a capire se fa bene o male, se è solo una droga o anche una medicina.

L’ultima querelle riguarda gli effetti della cannabis sul Quoziente Intellettivo degli adolescenti. Diversi studi sembravano suggerire che il suo consumo abituale in giovane età provochi conseguenze a lungo termine sul cervello e sulle sue capacità di apprendimento. In particolare una ricerca pubblicata sulla rivista americana Proceedings of the National Academy of Sciences ha rilevato una forte correlazione tra l’uso di questa sostanza e i danni neurologici irreparabili, problemi di attenzione, memoria e intelligenza che si riscontrano nei teenager.

Una conclusione che è stata contestata da un altro team di scienziati del Centro Ragnar Frisch, che ne ha messo in evidenza i limiti nella scelta del campione.

Non si tratta d’altronde dell’unico battibecco scientifico sull’argomento. Si accavallano studi sulla mariujana che mettono in luce le sue capacità di creare assuefazione, gli effetti sulla psiche e sull’umore con quelli che ne evidenziano le capacità terapeutiche e più in generale benefiche.

A denunciare le possibile conseguenze negative del suo impiego sono, per esempio, i risultati di un report presentato durante la Conferenza Nazionale sulla Cannabis a Brisbane. Secondo cui più è frequente l’uso, maggiore è la possibilità di avere pensieri suicidi. Così come i dati dell’australiano National Cannabis Prevention and Information Centre, secondo cui all’interruzione dell’assunzione di marijuana corrispondano sintomi tipici delle crisi da astinenza, o quelli dell’American Society of Addiction Medicine che pensa ad una prossima introduzione della dipendenza da Cannabis tra i disordini compresi nel Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM).

Sul fronte opposto, d’altronde, ci sono per esempio l’American Medical Association che ha invitato il governo a rivedere la classificazione della marijuana e la California Medical Association che ha chiesto la piena legalizzazione della cannabis stessa.

Anche sui danni provocati dal consumo della cannabis sul cervello non vi è chiarezza. Un gruppo di ricerca che ha impiegato la risonanza magnetica ha individuato danni nella corteccia pre-frontale, simili a quelli conseguenti alla schizofrenia. Tuttavia non è riuscito ad escludere che tali danni fossero pregressi, che il legame con la cannabis fosse diretto o che addirittura alcune delle sostanze contenute al suo interno non avessero in effetti qualità benefiche o protettive da danni cerebrali.

Stesso discorso è possibile farlo per quanto riguarda la correlazione tra Cannibis e tumore ai polmoni. L’Università della California ha calcolato che anche fumare giornalmente cannabis per 20 anni può non causare danni e addirittura uno studio risalente al 2008 suggerisce un’interazione positiva del consumo di marijuana rispetto alla prevenzione dei tumori.

La verità è che la cannabis ha diverse sostanze psicoattive stupefacenti, ma ha anche proprietà terapeutiche utili in medicina e per cui è ritenuta particolarmente utile contro dolori, nausea e vomito associati a malattie come la sclerosi multipla, il cancro, l’AIDS o anche per l’autismo (una famiglia dell’Oregon sta usando la marijuana medica per trattare gli scatti di rabbia dell’autismo).

Gli unici ad avere le idee chiare nel valutare la cannabis sembrano essere i consumatori. Solo negli Stati Uniti, sono passati dai 14,4 milioni del 2007 ai 18 milioni del 2011. Al contrario, la politica, senza dati certi, tentenna.
Anche se diverse statistiche e da ultimo i dati che hanno seguito la chiusura dei coffee shop olandesi ai turisti stranieri (costringendo Amsterdam ad un nuovo cambio di rotta in materia di liberalizzazione), mostrano come spesso il proibizionismo generi più un introito per la criminalità che una tutela per la salute della popolazione, il dibattito continua a vedere contrapposte senza soluzioni di mezzo partiti contrari e favorevoli alla marijuana.

Negli USA, mentre il governo federale tentenna a prendere una posizione chiara, i recenti referendum in materia hanno fatto aggiungere Arkansas, Massachussets e Montana ai 17 Stati che già prevedevano l’utilizzo medico della ganja. In Gran Bretagna la pubblicazione dello studio Drugs: break the cycle ha riaperto il dibattito su come combattere in generale l’utilizzo di droghe. Anche in Italia sembra in atto un (seppur lento) ripensamento delle politiche in materia e, nonostante il Governo abbia impugnato davanti alla Corte Costituzionale la legge regionale della Liguria sulla cannabis terapeutica, diverse regioni, come la Toscana, la Liguria, il Friuli e la Puglia hanno dato il via libera all’erogazione di farmaci e preparazioni a base di cannabinoidi per finalità terapeutiche.

di Claudio Tamburrino | fonte: west-info.eu

Be Sociable, Share!

    Articoli simili

    7 commenti »

    • Claudio scrive:

      La marijuana fa male al cervello se fumata presto durante l’adolescenza e costantemente, ossia più volte alla settimana, con stona pesante. Io ve lo posso confermare. Ora posso solo rimpiangere… Soprattutto una diminuzione delle memoria a breve termine e ogni tanto dimentico alcune cose. E lo confesso da favorevole alla marijuana, non da repressore o proibizionista. Conosco ciò di cui parlo.

    • Michele scrive:

      Si, anche io credo che se usata in maniera pesante in età compresa tra i 13 e i 18 anni può causare qualche danno. Io ho cominciato a farne uso a 21 anni e ora ne ho quasi 25, non ho riscontrato alcun peggioramento, anzi forse miglioramenti dal punto di vista creativo-meditativo :)

    • sergio almasio scrive:

      Il punto è che i minori nn devono avvicinare chi fuma o spaccia, quindi le “mammine” si tengano stretti e controllati i pargoli, che sono tra laltro i primi “usignoli”. Troppo comodo dare la colpa alla compagnia. Controllatevi vostri figli,e magari fategli una piccola perquisa in camera,chissa’ che la mela marcia della compagnia nn sia proprio a casa vostra. Fumo ganja da 35 anni, e sono sempre i pischelli a fare casino,le mamme poi…..

    • Donato scrive:

      io Ho 44 anni,ho una buona famiglia,ho un figlio,faccio un lavoro che mi piace e ho una vita dignitosa.Fumo da 25 anni e sinceramente mi sento bene e non ho mai avuto nessun tipo di problema derivato dalla ganja stessa. Quando lo faccio sono sempre in casa e in genere di sera e mai in presenza di mio figlio.
      La legalizzazione mi eviterebbe tante cose,innanzitutto di trovarmi periodicamente in certi luoghi al quanto sconvenienti .Poi il Tunisino o marocchino di turno che mi vende il prodotto, stando dalla parte del manico, si approfitta troppo sul prezzo.Senza parlare poi della qualità del prodotto che spesso non è quello che ci si aspetta.Tutto questo perche’La legge mi proibisce di averne una scorta in casa perche altrimenti rischierei di diventare improvvisamente un presunto spacciatore.
      Concludo col dire che se usata con moderazione,non solo fumandola ma anche facendoci un buon tè che è molto piu’ salutare e dà risultati migliori, non crea grossi danni ma i danni maggiori derivano appunto da tutto l’ambaradan che ci vuole x procurarsela e poi dall’eventuale disastro dal punto di vista penale… se si ha la sfortuna di essere scoperti… :(

    • Azzurra scrive:

      Io personalmente sono favorevole alla marijuana, e non ho mai riscontrato gravi danni alla mia mente (sennò qualche piccolo svarione ogni tanto ma nulla di preoccupante). Fumo da quando avevo 14 anni, certo non nè faccio un uso abbondante (mancanza di quattrini) ma quel che basta per “scialarmi” qualche volta.
      IO VOTO PER LA LEGALIZZAZIONE!

    • nik scrive:

      salve mi riferisco hai coglioni testa di cazzo deficienti ..la ganja nn fa male nn fa xerdere la memoria nn ha nessuno effetto negativo ,,a solo benefici ,,,gli unici effetti negativi siete voi coglioni che dite che fa male ……

    • Sara scrive:

      Ma veramente uno studio conferma che tra i tanti benefici fa persino dimagrire http://www.blackball.it/fumare-marijuana-fa-dimagrire/

    Lascia un commento!

    Aggiungi il tuo commento qui sotto, oppure esegui un trackback dal tuo sito. Puoi anche iscriverti a questi commenti via RSS.

    Sii gentile, rimani in argomento. Lo spam non sarà tollerato.

    È possibile utilizzare questi tag:
    <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

    Questo sito web supporta i Gravatar. Per ottenere il proprio globally-recognized-avatar, registra un account presso Gravatar.